Il subacqueo, in preda al panico, risalì con i piedi in avanti

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Il subacqueo, in preda al panico, risalì con i piedi in avanti

Lossiemouth

Una combinazione di circostanze, tra cui una valvola e un tubo non corrispondenti, ha portato a una risalita incontrollata con i piedi in avanti e alla morte di un subacqueo appena qualificato al largo della costa nord-orientale della Scozia quattro anni fa.

Ben Rayner, 38 anni, era su un'immersione ricreativa in barca al largo di Lossiemouth nel Moray Firth il 22 giugno 2014. Originario di Knutsford ma residente a Lossiemouth, Rayner era segretario del locale Burghead Sub-Aqua Club e si era qualificato come BSAC Ocean Diver solo sei settimane prima.

6 Dicembre 2018

Lui e le immersioni istruttore Natasha Scott era alla profondità massima di 12 metri, 19 minuti dopo l'inizio di un'immersione in un club nel primo pomeriggio, quando le cose hanno iniziato ad andare storte, secondo i rapporti sulla recente inchiesta tenutasi presso la corte del coroner di Warrington nel Cheshire.

"Inizialmente sono andato con un subacqueo che aveva problemi alle orecchie e ho sentito Ben mentre veniva eseguito il suo controllo di coppia", ha detto Scott in una nota. "È entrato in acqua, siamo scesi e ha segnalato che stava bene."

Scott ha descritto di aver aiutato Rayner più tardi quando ha visto che aveva perso la sinistra pinna, rimettendoglielo e stringendo la cinghia. Ma poi ha detto che aveva iniziato a salire, girando senza controllo e apparentemente disorientato.

Aveva provato a tirare indietro Rayner ma lui non aveva risposto al suo segnale OK e lei disse che sembrava andare nel panico e aveva iniziato a gonfiare il GAV. I suoi tentativi di impedirlo furono sventati dai suoi arti agitati.

"Ho dovuto lasciarlo andare per la mia sicurezza - e poi lui era fuori dalla mia vista", ha dichiarato Scott, che ha detto che aveva bisogno di fermarsi per rimettere in sesto il proprio respiro e il proprio assetto. Rayner era salito rapidamente con i piedi in avanti, con l'aria intrappolata nelle gambe muta stagna.

Scott aveva effettuato una risalita controllata e in superficie vide che Rayner era ancora in posizione a testa in giù e si dibatteva violentemente, mask pieno d'acqua.

Lei lo aveva aiutato nei tentativi di rimetterlo in piedi, ma sollevare il subacqueo da 20 pietre nella barca per le immersioni si è rivelato difficile finché la sua attrezzatura non è stata rimossa. "Abbiamo tenuto la sua testa nella barca e gli abbiamo fatto la respirazione artificiale, ma non rispondeva", ha detto Scott.

Sono stati chiamati i servizi di emergenza ma Rayner non ha ripreso conoscenza e in seguito è stato dichiarato morto.

Successivamente si è scoperto che l'attrezzatura del sub era in buone condizioni, anche se una valvola e un tubo non corrispondenti significavano che "non era completamente funzionante", secondo un rapporto di esperti.

Il patologo Matthew Lyall ha commentato che la causa della morte non dovrebbe essere registrata come annegamento ma come “morte per immersione”. Ha detto che il subacqueo era rimasto disorientato durante la sua risalita incontrollata ed era svenuto perché l'acqua gli era entrata mask e intorno a lui regolatore boccaglio. Una seconda autopsia aveva sollevato la possibilità che si fosse verificato un edema polmonare.

"È morto mentre praticava uno sport che gli piaceva moltissimo", ha detto il coroner Alan Moore di Rayner, registrando un verdetto di morte accidentale.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x