Palau dà un altro esempio in materia di protezione dei coralli

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

La destinazione subacquea di Palau nel Pacifico diventerà la prima nazione al mondo a proteggere le sue barriere coralline dai dannosi filtri solari chimici quando ne vieterà la produzione, l’importazione o la vendita dall’inizio del 2020.

Leggi anche: Black Pearl Explorer ha coperto Palau

Seguendo l’esempio dello stato americano delle Hawaii e dell’isola caraibica di Bonaire, che hanno intenzione di vietare i filtri solari contenenti le sostanze chimiche comunemente usate ossibenzone e ottinoxato a partire dal 2021, Palau aveva già bandito i filtri solari chimici dal suo famoso Jellyfish Lake, dove la sua popolazione di non -le meduse urticanti erano in calo.

Palau stima che ogni giorno nei suoi mari vengano dispersi circa 23 litri di crema solare da parte di coloro che utilizzano l’acqua, compresi i subacquei. Secondo la legislazione che fa parte della nuova legge sull’educazione al turismo responsabile, i prodotti contenenti ossibenzone, ottinoxato e altre otto sostanze chimiche saranno vietati.

Chiunque venga sorpreso in violazione dovrà affrontare multe fino a 1000 dollari USA e la confisca del prodotto, compresi i visitatori che portano i prodotti nel paese.

"Il potere di confiscare le creme solari dovrebbe essere sufficiente a scoraggiarne l'uso non commerciale, e queste disposizioni rappresentano un intelligente equilibrio tra educare i turisti e spaventarli", ha dichiarato il presidente di Palau Tommy Remengesau.

È stato scoperto che l’esposizione alle sostanze chimiche elencate, che agiscono assorbendo la luce ultravioletta, rende i coralli più suscettibili allo sbiancamento a temperature relativamente basse.

Possono anche essere tossici per i pesci e altri organismi marini. Quando si verifica lo sbiancamento, è stato scoperto che i coralli si riprendono più lentamente nelle aree popolate dai turisti, e si ritiene che la dispersione della protezione solare sia un fattore.

Palau è da tempo all’avanguardia nella protezione marina, dichiarando le sue acque un santuario degli squali nel 2009, designando la maggior parte dei suoi mari come zona di protezione marina nel 2015 e diventando la seconda nazione a ratificare l’accordo sul clima di Parigi del 2016.

Le alternative ai filtri solari chimici per chi fa uso di acqua includono prodotti a base minerale a base di ossido di titanio o ossido di zinco e giubbotti, cappucci e altri indumenti “protetti dal sole”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x