Palau impone il divieto delle creme solari chimiche

Palau Lux Tonnerre
Palau Lux Tonnerre

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

La destinazione per le immersioni subacquee nel Pacifico di Palau è diventata la prima nazione al mondo a farlo proteggere le sue barriere coralline dai dannosi filtri solari chimici, poiché il giorno di Capodanno è entrato in vigore il divieto di fabbricazione, importazione o vendita.

L'iniziativa era stato anticipato su Divernet all'inizio di novembre 2018, quando il governo di Palau stimò che ogni giorno circa 23 litri di creme solari venivano dispersi nei suoi mari dagli utenti dell'acqua.

Leggi anche: Black Pearl Explorer ha coperto Palau

La sua decisione è stata influenzata da un rapporto del 2017 della Coral Reef Research Foundation che ha rilevato la presenza di sostanze chimiche per la protezione solare nella popolazione in declino di gelatine non urticanti nel famoso Jellyfish Lake di Palau. La sua raccomandazione di vietare i prodotti nel sito è stata attuata subito dopo.

È stato anche scoperto che l’esposizione alle sostanze chimiche elencate, che agiscono assorbendo la luce ultravioletta, rende i coralli più suscettibili allo sbiancamento a temperature relativamente basse. Quando si verifica lo sbiancamento, si riprendono più lentamente nelle zone turistiche, indicando un collegamento con i filtri solari chimici.

Secondo la legislazione che fa parte del Responsible Tourism Education Act di Palau, i prodotti contenenti ossibenzone (BP3), ottilmetossicinnamato (EHMC), ottocilene (OC), 4-metil-benzilidene canfora (4MBC), triclosan, metil paraben, etil paraben, butil paraben, il benzil paraben o il fenossietanolo sono ora vietati.

I subacquei e gli altri utenti dell'acqua sono invece incoraggiati a utilizzare prodotti a base minerale a base di ossido di titanio o ossido di zinco, nonché giubbotti anti-eruzione, cappucci e altri indumenti “protetti dal sole”.

Chiunque contravvenga alla legge, compresi i visitatori che portano i prodotti nel paese, rischia la confisca della crema solare e multe fino a 1000 dollari.

“Gli effetti dannosi delle creme solari chimiche sono ben documentati dagli scienziati di tutto il mondo, compresi i nostri esperti locali”, ha affermato il presidente di Palau Tommy Remengesau.

“Quando subacquei, snorkelisti, pescatori, naturalisti… sentono parlare del nostro divieto di protezione solare, capiscono. Anche le nostre barriere coralline, i nostri pesci e i nostri ecosistemi sono la loro priorità”.

È in corso una campagna di sensibilizzazione, con cartelli in aeroporto e il settore turistico incoraggiato a informare i visitatori sui prodotti “sicuri per la barriera corallina” nei negozi di Palau.

La lungimirante Palau ha dichiarato le sue acque un santuario degli squali nel 2009, ha designato la maggior parte dei suoi mari come zona di protezione marina nel 2015 ed è diventata solo la seconda nazione a ratificare l’accordo sul clima di Parigi del 2016.

Lo stato americano delle Hawaii e l’isola caraibica di Bonaire sono pronti a seguire l’esempio nel vietare i filtri solari chimici, ma non prima del prossimo anno.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x