Muore l'eccezionale cacciatore di relitti Bob Marx

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

È morto all’età di 85 anni il cacciatore di naufraghi americano Robert F Marx, meglio conosciuto come Bob Marx.

Sollecitando polemiche nel corso della sua lunga carriera subacquea mentre tracciava il suo percorso tra le esigenze spesso contrastanti dell'archeologia marittima e della caccia al tesoro, Marx affermò la scoperta di molte migliaia di relitti in più di 60 paesi, dedicando tanto tempo alla ricerca d'archivio quanto lui. fatto all'esplorazione subacquea.

Marx morì nella sua casa di Melbourne, in Florida, il 4 luglio. Tra i numerosi successi, era noto soprattutto per gli scavi della città sommersa di Port Royal in Giamaica e per la sua scoperta nel 1972 del 17° secolo Nostra Signora delle Meraviglie, il secondo galeone spagnolo più ricco perduto nelle Americhe. Quel progetto si è concluso con l'accusa in TV del primo ministro delle Bahamas di attività criminale e l'espulsione dal paese.

Poi c'era la nave portoghese Flor do Mar, considerata la nave più ricca mai perduta. Il governo indonesiano aveva cercato a lungo il relitto nelle sue acque, ma quando nel 1992 chiamò Marx riuscì a localizzarlo entro tre giorni, a 100 miglia dalla zona di ricerca.

"I governi di molti paesi hanno richiesto la sua partecipazione al lavoro sui loro relitti, compresa l'assistenza nella stesura di leggi che consentano agli esploratori dei naufragi di recuperare le loro navi affondate", dice l'Explorers' Club, di cui Marx era membro dal 1959. È stato anche coinvolto in elaborare una legislazione sui naufragi per l’UNESCO.

Nato nel 1933 a Pittsburgh, in Pennsylvania, Marx si immergeva già all'età di 10 anni. Utilizzando un casco ad aria fatto in casa, si immergeva per recuperare attrezzatura da pesca e ancore dai fondali dei laghi. Fu la scoperta di un orologio d'oro a suscitare il suo interesse per i tesori, anche se in seguito avrebbe affermato che la sua vera passione era la porcellana cinese piuttosto che l'oro e l'argento.

A 13 anni era scappato nel New Jersey per diventare apprendista subacqueo con il casco, e a 14 stava lavorando al recupero del corpo nel Connecticut. L'anno successivo si guadagnava da vivere come pescatore subacqueo a Los Angeles quando trovò 300 monete d'oro in un relitto dell'era della corsa all'oro. Fu in questo periodo che fondò il Los Angeles Neptunes, considerato il primo club di immersioni degli Stati Uniti, con il collega cacciatore di tesori Mel Fisher.

Marx ha ottenuto il grado di sergente maggiore dopo essersi unito al Corpo dei Marines degli Stati Uniti (USMC) e ha prestato servizio attivo durante la guerra di Corea, oltre ad avere l'opportunità di immergersi nei relitti in varie parti del mondo. Successivamente è stato nominato direttore di una scuola di immersioni USMC a Porto Rico.

Dopo aver lasciato le forze armate, Marx si trasferì a Cozumel in Messico e nel 1954 aprì lì quello che sosteneva essere il primo resort per immersioni al mondo. Rimase lì per tutti gli anni '1950, periodo durante il quale condusse molte ricerche pionieristiche sui relitti. "A causa del suo primo lavoro sui naufragi negli anni '1950, ho a lungo considerato Bob il vero padre dell'archeologia subacquea moderna", ha detto il collega cacciatore di relitti E Lee Spence alla notizia della morte di Marx.

Nel 1959 Marx si trasferì a Siviglia in Spagna come parte del suo progetto a lungo termine per setacciare gli archivi della flotta del tesoro spagnola alla ricerca di indizi sui luoghi dei relitti. Nel 1968 tornò negli Stati Uniti, stabilendosi in Florida.

Marx fu uno dei fondatori del Consiglio consultivo sull'archeologia subacquea nel 1959, dimettendosi solo negli anni '1990 quando votò per vietare la presentazione di rapporti archeologici su progetti che coinvolgevano cacciatori di tesori. Fu uno dei primi direttori della Sea Research Society e nel 1972 partecipò alla creazione di un dottorato in Storia marina.

Organizzò e comandò due viaggi transatlantici su repliche di navi vichinghe, ma fu per rievocare il viaggio di Cristoforo Colombo nelle Americhe del 1492 su una replica di nave che la Spagna lo nominò Sir Bob Marx, Cavaliere Comandante dell'Ordine di Isabella la Cattolica.

Marx scrisse più di 60 libri, fece pubblicare circa 900 rapporti archeologici e altri articoli ed era conosciuto come un narratore, tenendo conferenze sulla ricerca sui naufragi in tutto il mondo. I subacquei britannici hanno avuto l'opportunità di ascoltarlo e incontrarlo quando è apparso al London International Dive Show del Diver Group nel 2001.

Marx ha scritto per la rivista DIVER in occasione del suo 40° anniversario sui suoi tempi di immersione migliori e peggiori.

E un apprezzamento globale della carriera del sub, in cui Christopher Frazier giustifica la sua affermazione che “il curriculum di Marx sembra la sceneggiatura di un film di Indiana Jones”.

Bob Marx lascia la moglie e compagna di sub Jenifer Grant Marx e tre figlie.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x