Fuori con le balene? Chiedi informazioni sui decibel

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Fuori con le balene? Chiedi informazioni sui decibel

balene

Madre e vitello megattera che riposano nel Golfo di Exmouth. (Foto: Kate R. Sprogis)

L'interazione umana con le balene nella maggior parte del mondo è limitata allo snorkeling o semplicemente all'osservazione dal ponte di una barca per evitare indebiti disturbi ai mammiferi, sebbene molti subacquei integrino l'una o l'altra attività nelle loro vacanze subacquee.

Ma secondo un nuovo studio scientifico, sembra che le barche che portano le persone per gli incontri con le balene possano ancora presentare un problema, sotto forma di rumore indesiderato.

Gli operatori che effettuano incontri con le balene tendono a posizionare le loro imbarcazioni il più vicino possibile alle balene entro i limiti legali locali, che possono variare dal semplice restare dietro di loro al mantenersi ad almeno 100 metri di distanza. Tuttavia, anche con le regole più severe sulla distanza, è noto che le balene possono ancora mostrare segni di disturbo.

Questi cambiamenti nel comportamento potrebbero includere immergersi, cambiare rotta, nuotare più velocemente, respirare più spesso, disperdere ed emettere suoni al di fuori dei normali schemi, afferma la biologa australiana Kate Sprogis, che ha guidato il team dell'Università di Aarhus in Danimarca.

"A differenza degli esseri umani, il senso dominante nelle balene non è la vista, ma l'udito", afferma. “Anche se le balene potrebbero non essere in grado di vedere una barca a 100 metri di distanza, è probabile che la sentano, quindi ha senso tenerne conto quando si stabiliscono le linee guida per l’osservazione delle balene”.

Precedenti ricerche sulle conseguenze a lungo termine del disturbo delle madri balene hanno stabilito che l’energia che spendono in risposta riduce la quantità disponibile per sfuggire agli squali, alle orche o ai maschi indesiderati, intraprendendo lunghe migrazioni e in particolare nutrendo la loro prole. I vitelli hanno bisogno di assumere molto latte in breve tempo per essere abbastanza forti da poter migrare senza cadere vittime dei predatori.

I ricercatori hanno effettuato esperimenti nel Golfo di Exmouth, sulla costa occidentale dell’Australia, un’area di sosta per la più grande popolazione mondiale di megattere. Le balene svernano lì, non nutrendosi ma allattando i loro piccoli, pronti a migrare verso zone di alimentazione più fresche in estate.

In 42 occasioni i ricercatori hanno guidato la loro barca fino a 100 metri da una madre e dal suo cucciolo e poi hanno utilizzato altoparlanti subacquei per emettere diversi livelli di rumore del motore, monitorando la risposta delle balene dall'alto utilizzando una telecamera montata su un drone.

Il rumore più forte della barca, pari a 172 decibel, ha causato una riduzione del tempo di riposo delle balene madri del 30%, un raddoppio della loro frequenza respiratoria e un aumento della velocità di nuoto del 37%, anche se spesso tornavano allo stato di riposo man mano che il rumore si attenuava. 

20 Giugno 2020

Pur rilevando che un certo numero di imbarcazioni per l'osservazione delle balene erano già sufficientemente silenziose, lo studio ha concluso che per ridurre al minimo l'impatto sulle balene, i livelli di rumore del motore dovrebbero essere limitati a 150 dB. Si raccomanda che questo venga introdotto come standard mondiale.

Il progetto di ricerca è stato finanziato dal programma di ricerca e innovazione Orizzonte 2020 dell’UE Marie Skłodowska-Curie Actions.

Lo studio è pubblicato sulla rivista scientifica eLife. 

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x