‘Ordinari ma speciali’: rari reperti su relitti protetti

Ceramiche rare sul naufragio della Josephine Willis al largo del Kent (Stefan Panis)
Ceramiche rare furono trovate sul naufragio della Josephine Willis al largo del Kent (Stefan Panis)

Il relitto di un veliero della metà del XIX secolo che trasportava cittadini britannici in Nuova Zelanda con a bordo un carico di ceramiche eccezionalmente rare ha ottenuto la protezione del governo su consiglio di Historic England (HE).

La nave-pacchetto Giuseppina Willis affondò 6.4 km a sud del porto di Folkestone nel Kent dopo la collisione con il piroscafo Mangerton il 3 febbraio 1856. Le 70 vite perse includevano quella del capitano Edward Canney. 

Rappresentazione contemporanea dell'affondamento della Josephine Willis
Rappresentazione contemporanea dell'affondamento della Josephine Willis
Immagine 3D del relitto dai dati dell'Ufficio idrografico del Regno Unito (Wessex Archaeology)
Immagine 3D del relitto dai dati dell'Ufficio idrografico del Regno Unito (Wessex Archaeology)

Il relitto è stato identificato nel 2018 dai subacquei del club subacqueo Folkestone 501, che lo hanno segnalato a HE tramite Wessex Archaeology. Si trova in due parti ad una profondità di 23 m. La scoperta è stata riportato all'epoca da Stefan Panis on Divernet. I subacquei ricreativi possono ancora immergersi nel relitto, ma il suo contenuto è protetto on-site.

Alcune delle ceramiche vittoriane a bordo sono ancora nelle loro casse, e diversi modelli sconosciuti sono stati scoperti su tazze, piatti e ciotole che in molti casi sono in condizioni perfette e non hanno equivalenti nelle collezioni dei musei. Quelle che possono essere identificate provengono da tre ceramiche dello Staffordshire: Mexborough, Charles Meigh e Davenport.  

Pesce e piatti sul relitto (Stefan Panis)
Pesce e piatti sul relitto (Stefan Panis)
Detriti compresa la balaustra tornita (Stefan Panis)
Detriti compresa la balaustra tornita (Stefan Panis)
Uno scrigno di tesori di manufatti vittoriani (Stefan Panis)
Uno scrigno di tesori di manufatti vittoriani (Stefan Panis)

Ci sono anche esempi sul fondale marino di altri modelli precedentemente conosciuti solo da ceramiche che erano state scartate dal forno dopo essere state danneggiate durante il processo di cottura. 

Triste storia

Le navi a pacchetto erano navi di legname di medie dimensioni spesso utilizzate nei secoli XVIII e XIX per trasportare persone, posta e merci in Europa, Nord America, Australia e Nuova Zelanda. Solo un altro veliero dello stesso tipo del Giuseppina Willis è stato trovato nel record nazionale: lo scafo di ferro Avalanche, che affondò nel 1877 al di fuori delle acque territoriali al largo del Dorset.

Inghilterra storica l'amministratore delegato Duncan Wilson ha descritto l'affondamento della Giuseppina Willis come “una triste storia di persone comuni che si perdono in mare mentre corrono il rischio di un lungo viaggio verso la Nuova Zelanda alla ricerca di una vita migliore. L'altro lato di questa storia riguarda il raro carico a bordo, che ci fornisce indizi per aiutarci a migliorare la nostra conoscenza dell'industria vittoriana della ceramica d'esportazione a metà degli anni 19th secolo. "  

Il pro, pro e pronipote del capitano, James Canney, ha detto di essere contento che la storia della nave sia stata raccontata e che il relitto sia stato protetto. "Sto continuando le mie ricerche sulla costruzione della nave e sulle persone che l'hanno noleggiata", ha detto.

“Sto anche imparando di più sulla vita dell'equipaggio e dei passeggeri; sia quelli dispersi in mare nella tragedia sia quelli che sono sopravvissuti e in seguito sono riusciti a raggiungere una nuova vita dall'altra parte del mondo." 

"La maggior parte delle ceramiche trasportate via nave erano beni ordinari, convenienti e prodotti in serie che la maggior parte dei coloni europei in Nuova Zelanda potevano almeno aspirare a possedere", ha commentato Archeologia del Wessex l'archeologo marino Graham Scott.

"Tuttavia, essendo relativamente semplici, tendevano a interessare poco ai collezionisti e spesso sono assenti dalle collezioni dei musei. 

«Quindi queste ceramiche sono entrambe ordinarie ed speciale. Non solo aiutano a far luce sull’industria e sul commercio vittoriani e sulla vita degli emigranti, ma aiutano anche a colmare importanti lacune nelle collezioni che quei musei preservano ed espongono per noi”. 

Anche su Divernet: Gli “eroi non celebrati” dei sommozzatori volontari – ma serve sangue nuovo, Relitto del Sussex identificato come storico relitto olandese, I 3 dell'Essex che hanno preso Londra, L'equipaggio pericolosoInvincibile – 50’ 44.34N, 01’ 02.23WLa realtà virtuale aggiunge una nuova dimensione all'immersione dell'HMS Colossus

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Don il tuffatore
Don il tuffatore
1 anno fa

È molto bello saperlo, ma come sarà protetto il relitto perché non vedo il poliziotto locale fare una nuotata veloce.

Ci sono molti altri relitti che necessitano di protezione. Nelle acque indonesiane pirati
erano responsabili della rimozione di almeno due navi della Marina pezzo per pezzo.

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x