Ora Cipro ha troppi pesci leone

Pesce leone
Pesce leone

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Con i subacquei che hanno riferito di aver visto 20 o più pesci leone in una singola immersione intorno a Cipro, gli ambientalisti marini hanno organizzato la prima serie organizzata di abbattimenti nelle acque costiere dell'isola del Mediterraneo orientale.

Guarda cosa succede se vieni colpito dagli aculei di un pesce leone velenoso invasivo.

I pesci leone, originari degli oceani Indiano e Pacifico, furono avvistati per la prima volta al largo di Cipro circa cinque anni fa. Sono arrivati ​​quando le acque del Mediterraneo si sono riscaldate e l’allargamento del Canale di Suez ha facilitato il loro percorso dal Mar Rosso.

Il loro numero è aumentato rapidamente, perché con le loro spine velenose non ci sono altre specie che possano predarli, e ogni femmina di pesce leone può produrre fino a due milioni di uova all'anno.

I giovani pesci leone maturano rapidamente, consumando pesci e crostacei autoctoni mentre colonizzano i sistemi della barriera corallina. La specie è oggi identificata come la più ecologicamente dannosa del Mediterraneo.

Da settembre 2017 gli scienziati dell’Università di Plymouth nel Regno Unito lavorano con enti a Cipro come il Marine & Environmental Research Lab su un progetto quadriennale chiamato RelionMed, finanziato con 1.68 milioni di euro dal programma LIFE dell’UE.

Gli abbattimenti, insieme alle indagini per valutare l'atteggiamento del pubblico nei confronti del pesce leone, fanno parte di questo progetto.

"Ci sono parti del mondo in cui i pesci leone fanno parte dell'ecosistema naturale", afferma il biologo marino Prof. Jason Hall-Spencer dell'Università di Plymouth.

“Fino a poco tempo fa il Mediterraneo non era abbastanza caldo da poter essere invaso, ma ora lo è e i pesci leone stanno colonizzando sempre più queste acque, portando con sé una seria minaccia di distruzione dell’habitat e di estinzione delle specie.

“Se non agiamo ora, potrebbero esserci danni ambientali ed economici duraturi. Le comunità costiere fanno affidamento su queste acque per la pesca e il turismo, quindi i cambiamenti hanno effetti a catena. L’abbattimento di queste specie invasive è l’unico modo efficace per ridurne il numero e garantire che le aree marine protette continuino a rigenerarsi”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x