Il Mar Rosso settentrionale ha una “assicurazione contro il cambiamento climatico”

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Il Mar Rosso settentrionale ha una “assicurazione contro il cambiamento climatico”

Steve Weinmann

Immagine: Steve Weinman.

Il Mar Rosso è tradizionalmente la via di fuga preferita dai subacquei del Regno Unito e questa scelta potrebbe rivelarsi fortunata per loro in futuro. Poiché i cambiamenti climatici provocano l’innalzamento della temperatura degli oceani, è stato dimostrato che il Mar Rosso settentrionale ospita coralli resistenti al calore che formano barriere coralline che lo rendono un “rifugio termale” unico. Ma perché è così?

La domanda viene posta in un programma di ricerca su larga scala intrapreso da KAUST (King Abdullah University of Science & Technology) in Arabia Saudita.

Gli scienziati marini del Centro di ricerca sul Mar Rosso hanno anche condotto uno studio internazionale recentemente pubblicato che ha concluso che il danno globale alla vita marina potrebbe essere invertito entro una generazione, come riportato ieri su Divernet .

In gran parte del mondo, lo sbiancamento dei coralli si verifica quando le temperature medie massime estive in una regione sono elevate solo di 1-2 gradi centigradi. Nel Mar Rosso settentrionale, invece, le temperature dovrebbero aumentare di 5 gradi per avere lo stesso effetto. 

"Sembra che le barriere coralline settentrionali del Mar Rosso costituiscano un rifugio globale di barriera corallina che merita la nostra attenzione e protezione", afferma lo scienziato marino KAUST Prof Christian Voolstra, aggiungendo che l'area "è l'unico posto sulla Terra di cui sono a conoscenza con questa caratteristica .

“Queste barriere coralline hanno un’assicurazione contro il cambiamento climatico per i prossimi 100 anni. Dovremmo assicurarci che questa risorsa venga preservata e dovremmo anche investire nella ricerca per capire perché questo accade”. Lo studio mira a individuare le differenze genomiche tra i coralli resistenti del Mar Rosso settentrionale e quelli più vulnerabili del Mar Rosso meridionale.

Una teoria è che il Mar Rosso fosse disconnesso dall’Oceano Indiano circa 15,000 anni fa, seccandosi prima di riempirsi nuovamente e ricolonizzato dai coralli che dovevano passare attraverso le acque meridionali più calde. Solo quelli con elevata termotolleranza sarebbero sopravvissuti al viaggio.

Un’altra teoria è che la termotolleranza derivi dalla maggiore salinità del Mar Rosso settentrionale, che normalmente è associata a temperature più calde e ad una maggiore evaporazione.

14 Aprile 2020

I coralli del Mar Rosso stanno sbiancando nel sud con temperature più elevate, e in misura minore nella regione centrale. “Nel Mar Rosso in estate la temperatura media dell’acqua è superiore a 32 gradi C”, afferma il prof. Manuel Aranda, “e questo ucciderebbe – praticamente spazzerebbe via – i coralli nei Caraibi, sulla Grande Barriera Corallina, ecc. 

“Tuttavia, i coralli qui possono sopravvivere a queste temperature e siamo molto interessati a scoprire perché – e ovviamente come – in modo da poter usare questa conoscenza per aiutare i coralli altrove”.

La loro base in Arabia Saudita offre agli scienziati KAUST l'accesso all'intera gamma di coralli del Mar Rosso da nord a sud, e affermano che la natura e la portata del loro programma di ricerca non hanno precedenti nel Mar Rosso.  

“Dobbiamo agire nei prossimi 20 anni per salvare quante più barriere coralline possibile finché non avremo sviluppato o progettato soluzioni più ampie per contrastare gli effetti del cambiamento climatico”, afferma Voolstra.

 

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x