Nessun problema: i subacquei segnalano il ritrovamento dell'Agente Orange

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Nessun problema: i subacquei segnalano il ritrovamento dell'Agente Orange

Wallowa

Lago Wallowa. (Foto: Kurt Mohs)

Due subacquei statunitensi che trovarono un barile in un lago di montagna etichettato come contenente la famigerata arma chimica della guerra del Vietnam, l'Agente Orange, videro il loro rapporto accantonato dalle agenzie sanitarie per 10 mesi, ma ora la protesta dei media sembra aver spinto le autorità ad agire.

Il barile da 450 litri è stato avvistato lo scorso agosto da Lisa Anderson e William Lambert, volontari della Blue Mountain Divers, un'organizzazione che ricerca oggetti di interesse storico nelle acque interne degli Stati Uniti. Si stavano immergendo nel lago Wallowa in Oregon quando hanno scoperto il contenitore che giaceva nel limo a una profondità di 25 metri.

Sulla canna, che sembrava intatta, era chiaramente impresso: “Leggi l'etichetta! Contiene diserbante 2,4-D o 2,4,5-T”.

Combinati, i due defolianti costituivano gli ingredienti dell’Agente Orange, che fu spruzzato da elicotteri e aerei sul Vietnam durante gli anni ’1960 come parte della campagna Operation Ranch Hand dell’esercito americano.

13 Giugno 2019

Gli erbicidi tossici sono considerati cancerogeni e collegati a problemi di salute tra milioni di vittime che ne sono state esposte. Hanno anche causato una diffusa deforestazione in Vietnam.

Consapevoli che il lago Wallowa funge da riserva di acqua potabile per i 1000 abitanti della vicina città di Joseph, la Blue Mountain Divers ha segnalato la scoperta del barile originale e di un altro simile al Dipartimento per la qualità ambientale dell'Oregon, e ha anche pubblicato il ritrovamento sui social media per avvisare i residenti.

Il dipartimento sanitario non ha trovato segni di contaminazione dell'acqua dopo aver esaminato i precedenti test di routine del lago. Ha informato l’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente degli Stati Uniti (EPA), anche se solo due mesi dopo aver ricevuto il rapporto dei subacquei. Successivamente l'EPA ha impiegato altri cinque mesi per contattare Blue Mountain Divers.

Quando lo ha fatto ha appreso che potevano esserci fino a 12 barili vicino a un porto turistico in un angolo del lago. Erano stati scoperti anche altri 25 barili più piccoli da 250 litri, alcuni arrugginiti.

I resoconti della stampa regionale che riflettono le lamentele dei residenti di Joseph riguardo all’inazione delle autorità sembrano aver finalmente spinto l’EPA ad agire questo giugno. Si dice che abbia assunto una squadra di sommozzatori professionisti per controllare il sito utilizzando un ROV e per prepararsi a rimuovere tutti i barili entro ottobre.

L'agenzia ha sottolineato in sua difesa che riceve molte segnalazioni di container sommersi da subacquei e non ha le risorse per seguirle tutte.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x