Le nuove costruzioni attraggono la vita marina urbana

Jess Bone (a destra) ha esaminato le pozze rocciose negli ultimi tre anni
Jess Bone (a destra) ha esaminato le pozze rocciose negli ultimi tre anni (Università di Bournemouth)

Un team di scienziati britannici ha ideato un modo efficace per aiutare la vita marina a prosperare nei porti e nei porti urbani e migliorare gli ecosistemi costieri minacciati.  

Secondo il team di scienziati dell’Università di Bournemouth che ha condotto lo studio sperimentale, una serie di pozze di roccia in cemento a basso contenuto di carbonio fissate sulle mura del porto di Poole e dell’Isola di Wight hanno fornito un habitat sicuro per un’abbondanza di vita marina. 

Le piscine naturali a forma di lavandino del bagno sono state realizzate da una società di ecoingegneria con sede nell'Isola di Wight Artecologia, che li ha rifiniti a mano per creare superfici ruvide e ha utilizzato stampi rivestiti con pluriball gigante per creare fessure naturalistiche.

Le piscine naturali artificiali stanno trovando molti acquirenti
Le piscine naturali artificiali stanno trovando molti acquirenti (Università di Bournemouth)

Il team di Bournemouth ha installato 114 di queste pozze di roccia in tre siti nel 2020 – 45 a Sandbanks a Poole, 45 a Bouldnor, Isola di Wight e 24 a Hamble Harbour, Southampton – e da allora ha monitorato le specie che le abitano, confrontando i risultati a coloro che vivono sulle dighe.

Trattenendo l'acqua durante la bassa marea, le pozze rocciose forniscono un rifugio vitale, cibo e un habitat per la vita marina, con specie mobili come pesci e gamberi in grado di rimanere immersi in sicurezza quando la marea si ritira.

Un'ascidia (Università di Bournemouth)
Un'ascidia (Università di Bournemouth)
Anemone (Università di Bournemouth)
Anemone (Università di Bournemouth)

“Man mano che le nostre coste diventano più sviluppate, le specie marine vedono i loro habitat naturali sostituiti da difese marine, che sono più difficili da colonizzare”, ha affermato la ricercatrice Jessica Bone. “Anche l’innalzamento del livello del mare sta aggravando il problema e sta comprimendo i loro habitat in spazi sempre più piccoli. 

“Volevamo vedere se dare loro più rockpool poteva offrire loro un’ancora di salvezza di fronte a queste sfide”. 

65 specie battono 40

A Sandbanks, dove sono state trovate solo 40 specie che abitavano nelle fessure delle pareti del porto, il team ha identificato 65 specie utilizzando le rocce artificiali. Questi includevano l'ostrica nativa protetta Ostrea edulis, granchi, cirripedi, molluschi, piccoli pesci, ascidie e 25 tipi di alghe, mentre le spigole, importanti per la pesca, sono state viste indagare nelle pozze durante l'alta marea.

"Con la bassa marea, abbiamo scoperto che le pozze rocciose fornivano un rifugio a specie mollicce come ascidie e spugne che si seccavano sulla diga e non sopravvivevano", ha detto Bone. “Allo stesso modo, hanno aiutato le specie delicate, come i briozoi e alcune alghe più fini, che sarebbero state colpite dalle onde sulla diga e non sarebbero sopravvissute neanche loro”.

Un granchio in una delle piscine
Un granchio in una delle piscine (Università di Bournemouth)
Università di Bournemouth video del progetto

Anche la biomassa era più elevata nelle pozze rocciose, principalmente perché gli habitat artificiali incoraggiavano esemplari di alghe più grandi. “Più biomassa significa più carbonio rimosso dall’atmosfera e nutrienti in eccesso rimossi dall’acqua – il che può essere un problema a Poole Harbour, causando bassi livelli di ossigeno”, ha affermato Bone.

Ha detto che oltre ad aiutare la vita marina a sopravvivere, le pozze di roccia hanno dato ai residenti locali la possibilità di connettersi e saperne di più. Il progetto rientra nei 4.6 milioni di euro Marineff (MARine INfrastructure EFFects), finanziato dall’UE e che coinvolge università e partner nel sud dell’Inghilterra e nel nord della Francia.

Anche su Divernet: I sommozzatori trovano il timone che affondò la HMS Invincible, Relitto di 750 anni ritrovato al largo del Dorset, legname e tutto il resto, Il luogo del relitto della Seconda Guerra Mondiale era a 2 miglia di distanza, Cerchio della vita

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x