Risultato netto per Ghost Diving USA

due subacquei in barca
Preparazione per l'immersione sulla USS Moody

La rimozione da parte di sei subacquei di reti fantasma dal relitto della USS Lunatico ha segnato il ritorno della forza volontaria internazionale Ghost Diving negli Stati Uniti.

Leggi anche: La squadra fantasma recupera i relitti di Lampedusa

I subacquei della nuova sezione Ghost Diving USA dell'organizzazione benefica già ben consolidata in Europa, Nord Africa e Nuova Zelanda si sono collegati alla fine di aprile con l'organizzazione internazionale no-profit Healthy Seas per pulire il relitto e riciclare i materiali recuperati.  

Il capitolo è stato originariamente istituito come gruppo di subacquei tecnici del sud California a metà degli anni 2000, concentrandosi su un progetto a lungo termine: una nave per la pesca dei calamari chiamata Infedele, affondato a una profondità di 45 metri vicino all'isola Catalina. Si dice che ci siano voluti quasi due anni per pulire e mettere in sicurezza quel relitto, ma la mancanza di fondi ha impedito di continuare le operazioni in seguito. 

Il cacciatorpediniere Moody, costruito subito dopo la Prima Guerra Mondiale, fu affondato deliberatamente nel 1 durante la realizzazione del film di Hollywood L'inferno sotto. Il relitto, che si trova in un’area ricoperta di foreste di alghe a un’ora da Los Angeles, ha accumulato costantemente reti da pesca per quasi 90 anni – parte delle 580,000 tonnellate di tali attrezzature che si stima vengano perse o gettate negli oceani ogni anno.

subacquei che rimuovono la rete dalla USS Moody
Subacquei al lavoro per rimuovere la rete dalla USS Moody
vista di poppa della barca per immersioni con rete fantasma
Ritorno alla barca per le immersioni

Nonostante abbiano dovuto lavorare a profondità fino a 45 metri, con scarsa visibilità e forti correnti, i subacquei sono comunque riusciti a recuperare 135 kg di reti per tonni e calamari durante la loro singola immersione. Sulle loro due barche, una dozzina di sostenitori di superficie hanno liberato la vita marina tra cui granchi, vermi e anemoni di mare che erano rimasti impigliati o crescevano nelle reti fantasma.

"Durante la partenza e l'arrivo a San Pedro, la vista di megattere, delfini e giocosi leoni marini ci ha ricordato il motivo per cui eravamo lì", ha detto la direttrice di Healthy Seas, Veronika Mikos. “Questi splendidi animali sono spesso vittime dell’inquinamento causato dagli scarti della pesca. L’entusiasmo che ha vibrato durante tutta la giornata ha reso il nostro calcio d’inizio negli Stati Uniti più speciale di quanto avremmo mai potuto immaginare”. 

“Grazie al supporto di Healthy Seas, non vediamo l’ora di continuare la regolare pulizia del mare nell’area e stiamo già esaminando il relitto della UB88 e Farnsworth Bank, una bellissima barriera corallina popolata dal rarissimo idrocorallo viola", ha affermato il coordinatore di Ghost Diving USA Norbert Lee.

Mari sani si occupa del riciclo delle reti e dei fili recuperati, con il socio fondatore Aquafil che rigenera il nylon trasformandolo in filato Econyl che può essere utilizzato per realizzare costumi da bagno, abbigliamento sportivo, tappeti, calze e altri prodotti. Un altro partner, Bracenet, crea accessori fatti a mano, mentre gli artisti rielaborano altri materiali di recupero.

www.eraeurope.com Immersioni fantasma sta attualmente realizzando importanti progetti nel Mediterraneo a Cipro, in Libano e nell'isola greca di Itaca.

Anche su Divernet: I subacquei fantasma raccolgono reti e dati ed Due squadre formeranno Ghost Diving UK

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x