Motivare i subacquei del Mediterraneo nella guerra dei pesci leone

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Motivare i subacquei del Mediterraneo nella guerra dei pesci leone

Pesce Leone X

Immagine: Pantelis Kranos.

Secondo un nuovo studio, le rimozioni mirate possono sopprimere il numero crescente di pesci leone invasivi attorno alle coste protette del Mediterraneo, ma solo combinando gli abbattimenti da parte dei subacquei con il monitoraggio a lungo termine.

Scienziati dell’Università di Plymouth e del laboratorio di ricerca marina e ambientale (MER) di Cipro hanno prodotto lo studio nell’ambito del progetto RELIONMED, finanziato dall’UE da 1.6 milioni di euro. Subacquei volontari appositamente addestrati hanno condotto una serie di eventi di rimozione e rilievi in ​​tutta l'isola per un periodo di sei mesi.

I subacquei si sono concentrati su tre delle aree marine protette di Cipro: la Zenobia naufragio al largo di Larnaca e due famosi siti di immersione nell'AMP di Capo Greco. Ogni giorno rimuovevano dai 35 ai 119 pesci leone in ciascun sito, dopodiché l'efficacia dell'operazione veniva monitorata attraverso sondaggi di censimento visivo e dati di citizen science.

In alcune località, è stato riscontrato che la popolazione di pesci leone è tornata ai livelli precedenti entro tre mesi. I pesci si riproducono rapidamente e quelli che vivono al di fuori delle profondità delle immersioni ricreative possono sfuggire all'abbattimento e successivamente spostarsi a profondità inferiori.

Si ritiene che lo studio sia uno dei primi a esaminare la rimozione dei pesci leone da una prospettiva socioeconomica ed ecologica. Negli ultimi dieci anni i pesci leone si sono spostati nel Mediterraneo attraverso il Canale di Suez, in una migrazione continua legata al riscaldamento degli oceani.

I pesci sono stati avvistati per la prima volta al largo di Cipro nel 2014 e, come nei Caraibi, anche lì non hanno incontrato predatori. I primi allontanamenti mirati sono avvenuti cinque anni dopo, ma ora l’aspettativa è solo quella di controllarne i numeri anziché sradicarli. Da allora i pesci leone sono stati osservati fino all'estremo ovest della Tunisia e dell'Italia.

“Ci sono molti cambiamenti che avvengono nel Mediterraneo come conseguenza dell’attività umana e del cambiamento climatico”, ha affermato l’autore principale dello studio Peiklis Kleitou. “L’invasione dei pesci leone è stata una conseguenza notevole di tutto ciò, ma questo studio mostra che esiste una potenziale soluzione, anche se complessa e impegnativa.

“Uno degli aspetti interessanti di questo lavoro è stato vedere come formazione migliore conoscenza da parte dei subacquei problemae li ha motivati ​​a sostenere gli sforzi di gestione. Questo è senza dubbio qualcosa su cui possiamo e dobbiamo basarci per garantire che le popolazioni di pesci leone siano gestite in modo sostenibile ora e in futuro”.

I sondaggi hanno dimostrato che il coinvolgimento dei subacquei ha aumentato la loro conoscenza dei pesci leone e la loro motivazione a sostenere le attività di conservazione marina, al punto da spingerli a pagare un extra per eliminare i pesci invasivi.

“Questo studio dimostra la natura complessa della gestione e della protezione del nostro oceano”, ha affermato l’autore senior, il professor Jason Hall-Spencer. “Le AMP sono senza dubbio benefiche in termini di biodiversità sui fondali marini, ma sono anche vulnerabili alla diffusione di specie invasive.

23 luglio 2021

“La nostra ricerca in corso sta dimostrando il ruolo fondamentale che i cittadini possono svolgere nel monitoraggio e nella gestione dei pesci leone, ma consentire ai subacquei di rimuovere questi pesci utilizzando l’attrezzatura subacquea dovrà essere applicato con cautela e regolamentato rigorosamente per evitare la pesca illegale.

“Se implementati correttamente, gli eventi di rimozione potrebbero proteggere aree selezionate dagli effetti negativi del pesce leone, contribuendo allo stesso tempo a stabilire legami ricchi e profondi con le comunità locali, rafforzando la responsabilità e la sorveglianza a livello aziendale e sociale e stimolando la consapevolezza ambientale pubblica. "

Lo studio è pubblicato su Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x