Altri manufatti recuperati dalla HMS Erebus

HMS Erebus e HMS Terror, dipinti da John Wilson Carmichael

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Altri manufatti recuperati dalla HMS Erebus

HMS Erebus e HMS Terror, dipinti da John Wilson Carmichael

HMS Erebus & Terrore, dipinto da John Wilson Carmichael.

Gli archeologi subacquei hanno recuperato altri nove manufatti durante il loro ultimo viaggio di ricerca polare sul relitto dell'HMS Erebus.

La nave di Sir John Franklin fu abbandonata nello Stretto di Victoria, nell'Artico canadese, dopo essere rimasta bloccata dai ghiacci durante una spedizione di tre anni della Royal Navy per scoprire il leggendario "Passaggio a Nord-Ovest" negli anni '1840 dell'Ottocento.

L'Underwater Archaeology Team di Parks Canada, che per primo localizzò il relitto, effettuò le immersioni dalla nave da ricerca David Thompson, ma il ghiaccio marino insolitamente spesso ha ostacolato la missione di quest’anno, limitando il tempo di immersione a un giorno e mezzo.

3 ottobre 2018

The items, retrieved from an officer’s cabin on the lower deck, include a ceramic pitcher and an artificial horizon that would have been used with a sextant to calculate latitude.

Sono stati recuperati anche componenti metallici di strumenti di manovra e feltro impermeabilizzante catramato che conservava l'impressione di assi di legno.

The main objective, however, was to gain access to the deepest chambers in the wreck, including Franklin’s own cabin, in the hope of finding the ship’s logs, and this proved beyond the divers’ reach for the time being.

Le due navi di Franklin HMS Erebus e HMS Terrore lasciò l'Inghilterra nel 1845 nella speranza di trovare una rotta marittima attraverso il ghiaccio polare che collegasse l'Atlantico e il Pacifico. Entrambe le navi furono abbandonate nel 1848 e tutti i 129 uomini a bordo morirono in quello che rimane il peggior disastro nella storia dell'esplorazione polare.

Le Erebus Il sito del relitto è stato scoperto solo nel 2014 e quello dell'HMS Terrore 30 miglia di distanza seguite nel 2016, come riportato su Divernet .

I manufatti vengono analizzati e conservati a Ottawa. Portano a 74 il numero ora recuperato, tra cui la campana di bronzo e parte del timone della nave, bottoni, stoviglie, flaconi di medicinali e uno stivale.

I reperti precedenti sono di proprietà del Regno Unito, ma ora è stato concordato che gli ultimi nove manufatti e tutto ciò che verrà trovato in futuro dal team canadese saranno di proprietà e gestiti da Parks Canada e dall'Inuit Heritage Trust.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x