Mista: la reazione dei Diving all’invasione dell’Ucraina

Misto
(PNGKey)

È passato un mese da quando, il 24 febbraio, la Russia ha lanciato l’invasione dell’Ucraina. Sono seguite condanne e sanzioni diffuse a livello globale, ma come hanno risposto le organizzazioni che rappresentano i subacquei a livello internazionale a questo atto di aggressione? 

La più rapida a reagire all'invasione, almeno pubblicamente, è stata la CMAS, la World Underwater Sports Federation. Anna Arzhanova, recentemente rieletta per un altro mandato di quattro anni come presidente dell'ente governativo europeo delle immersioni a cui sono affiliate molte organizzazioni nazionali, è lei stessa russa. Il 3 marzo ha rilasciato una dichiarazione appassionata alla comunità dei subacquei condannando l'azione.

“Nessuno nel CMAS vuole la guerra, nessuno!” ha detto Aržanova. “Rimprovero non solo la guerra ma anche l’idea di usare la forza contro altri esseri umani. Dovremmo capire che il mondo è diviso non solo in nazioni, ma anche in decenza e malvagità, violenza e bontà che non hanno nazionalità... 

“Siamo tutti esseri umani; sentiamo tutti questo dolore. Nel corso della storia lo sport non divide mai, ma unisce sempre. Spero davvero che le cose restino così”.

Ucraina
Anna Arzhanova della CMAS

Arzhanova’s speech was endorsed by the CMAS board of directors, which confirmed its solidarity and support for the Ukrainian population. It announced that it was suspending Russian and Belarusian athletes and officials from participating in CMAS sporting events such as competitive freediving (given that if Ukrainian athletes could not take part it would be unfair) and would no longer problema diving certificates to Russian and Belarusian federations. 

Per evitare di promuovere questi paesi, CMAS ha affermato che avrebbe rimosso le loro bandiere dalle sue comunicazioni; non organizzare eventi CMAS in Russia e Bielorussia; sospendere i rapporti con i media russi e bielorussi e vietare la sponsorizzazione di eventi da parte di aziende russe e bielorusse.

Anche l'International Association of Nitrox & Technical Divers (IANTD) ha adottato fin dall'inizio una linea forte, decidendo di sospendere tutte le attività con il suo licenziatario dell'Asia centrale e settentrionale con sede a Mosca, rimuovendolo dai suoi standard e dall'accesso al suo sistema di database globale e terminando il loro relazione d'affari. I certificati subacquei e le abilitazioni professionali non verrebbero più rilasciati, ha affermato IANTD.

Anche ai professionisti subacquei IANTD nelle ex repubbliche sovietiche che formano la Comunità degli Stati Indipendenti è stato chiesto di contattare l'agenzia per essere riassegnati.

Più cauto

Freediving governing body ​​AIDA (International Association for the Development of Apnea) voted on 9 March to follow International Olympic Committee recommendations, and accordingly suspended Russian and Belarusian athletes, judges, organisers and their teams from all its events including competitions, world championships and record attempts.  

Inoltre i cittadini russi e bielorussi sono stati sospesi dall'Assemblea dell'AIDA. Un'eccezione alle sanzioni potrebbe essere fatta per gli apneisti con più cittadinanze, con l'AIDA che offre aiuto per i cambiamenti di cittadinanza da effettuare “attraverso una procedura accelerata”. 

Some of the biggest diving bodies were, however, more cautious about committing themselves. PADI, the “world’s leading scuba diver formazione organisation”, has direct interests in the form of 40 dive-centres in Russia, two in Belarus and nine in Ukraine, but declined to comment.

Lo ha raccontato Scuba Schools International (SSI). Divernet che sta valutando attentamente le sue relazioni commerciali con la Russia e la Bielorussia e che farà tutto il possibile per sostenere la missione per porre fine alla guerra, ma che non necessariamente rilascerà una dichiarazione pubblica una volta giunta alla conclusione. SDI/TDI ha inoltre affermato che non rilascerà alcun commento pubblico.

Mantenere le sanzioni

RAID aveva un solo centro immersioni in Russia, ma la sua risposta è stata inequivocabile. "Dive RAID International è un'entità globale e la nostra azienda adotta una posizione neutrale nei confronti della politica, o cerca di farlo", ha spiegato il vicepresidente marketing Steve Lewis Divernet.

“Occasionalmente discutiamo di come ciascun ufficio regionale gestisce le questioni politiche in ciascuna delle sue regioni; tuttavia, abbiamo anche una politica molto chiara riguardo al bullismo nel quartier generale e in tutta la rete RAID. 

“Pertanto, allo stato attuale, sosteniamo l’Ucraina e abbiamo interrotto i rapporti commerciali con la Russia, i suoi alleati e agenti. 

Ucraina
Steve Lewis del RAID

“In verità, in passato abbiamo avuto ben poco a che fare con lo Stato russo. Tuttavia, stiamo molto attenti a garantire il mantenimento delle sanzioni imposte dai vari governi a individui specifici. Naturalmente comprendiamo che ciò che facciamo avrà poco effetto, ma per noi individualmente e come azienda è importante il principio della cosa”.

UK diving’s governing body the British Sub-Aqua Club was also approached but made no comment.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x