La causa per la morte di Mills è stata risolta – ma seguirà un procedimento penale?

Azione di morte per stretta di tuta risolta
Mulini Linnea

Un eminente avvocato specializzato in immersioni statunitense sta spingendo per la riapertura di quella che, a suo dire, è stata un'indagine penale fallita sulla morte della subacquea diciottenne Linnea Mills in un lago di montagna del Montana nel novembre 18.

L'annuncio di David G. Concannon fa seguito alla notizia che la causa civile intentata contro un centro immersioni locale, i suoi proprietari, un istruttore e un'agenzia di formazione PADI in relazione all'incidente mortale è stata ora risolta in via extragiudiziale da tutte le parti in termini non divulgati. 

L'avvocato aveva fatto parte della squadra che agiva per conto dei querelanti, con particolare riguardo alla PADI, che era stata accusata di negligenza nella supervisione di un'azienda membro. 

La causa civile da 12 milioni di dollari è stata intentata nel maggio 2021 dai genitori di Mills, Scott e Lisa; l'apprendista subacqueo Bob Gentry, sua moglie Shannon e un minore, "EG", anche loro durante l'immersione di addestramento; e un altro studente, Joel Wilson.

L'azione è stata intentata contro PADI Worldwide e la sua controllata PADI Americas, Gull Dive di Missoula, i suoi proprietari David e Jeannine Olson, l'istruttrice Deborah Snow e Heidi Houck, che hanno venduto privatamente a Mills la sua muta stagna usata ma senza il tubo di gonfiaggio. 

La neve è stata espulsa dalla PADI il 19 gennaio di quest'anno, più o meno nel periodo della risoluzione definitiva. Gli Olson sciolsero Gull Dive nel 2022 e il subacqueo volontario di sicurezza Seth Liston, originariamente citato, fu successivamente ritirato dalla causa.

L'incidente mortale

Mills, una PADI Open Water Diver di Missoula, era nuova alle immersioni in acque fredde quando ha intrapreso un corso Advanced OWD nel lago MacDonald nel Glacier National Park, come originariamente segnalato on Divernet

Non aveva mai usato una muta stagna prima, ma secondo la causa aveva acquistato l’indumento di seconda mano di Houck su consiglio di Gull Dive. Gli istruttori non hanno controllato la sua attrezzatura prima di partire per il lago, quindi non erano a conoscenza del fatto che non avesse mezzi per controllare il gonfiaggio della tuta. Aveva anche un erogatore inadatto all'uso in acqua fredda. 

Morte da spremere il vestito Lake McDonald nel Glacier National Park (TL Jones 007)
Lago McDonald nel Parco nazionale Glacier (TL Jones 007)

Snow, che stava guidando l'immersione, non era qualificato per insegnare immersioni con muta stagna e Liston non aveva mai usato una muta stagna prima, anche se gli altri studenti del gruppo stavano facendo immersioni speciali con muta stagna PADI. Gli standard di cura dell’agenzia didattica sulla conduzione di tali immersioni sono stati modificati dopo l’incidente.

Snow disse a Mills di usare il suo GAV per il controllo dell'assetto, e lei fu appesantita con 20 kg di piombo nella muta stagna e nelle tasche del GAV. Non è stato dato alcun briefing né sono stati assegnati amici. Non riuscendo a vedere quanto fosse già stretta la sua muta nei primi cinque minuti dell'immersione a 5 metri, gli istruttori la portarono con gli studenti Gentry ed EG fino a 18 metri. 

Il filmato GoPro di Gentry ha poi mostrato Mills su una sporgenza che faticava a respirare ma incapace di salire o di attirare l'attenzione di Snow. Fece segno a Gentry di chiedere aiuto prima di sbilanciarsi e affondare rapidamente. L'ha catturata a 26 metri e in seguito ha riferito che mostrava segni di schiacciamento a causa della tuta, ma non è riuscito a individuare i suoi pesi per scaricarli. Ha poi abbandonato il suo secondo stadio. 

Gentry fu costretto a lasciarla a 32 metri e ad effettuare una rapida risalita, dove scoprì che non c'era copertura superficiale. Mills è stata successivamente ritrovata a 39 metri da Snow e Liston e guarita, ma troppo tardi per salvarle la vita.

PADI aveva sostenuto che Gull Dive e il suo staff non erano né suoi agenti né dipendenti e che, poiché Mills aveva firmato una liberatoria, non poteva essere ritenuto responsabile della morte dell'adolescente. Ma lo scorso luglio un giudice ha annullato la sentenza questa negazione di responsabilità, affermando che PADI esercitava controllo attraverso il suo accordo di adesione su Gull Dive e sui suoi istruttori, che erano contrattualmente obbligati a seguire i suoi standard e le sue istruzioni.

Il giudice aveva anche stabilito che un istruttore poteva essere un “apparente” agente della PADI se lo studente riteneva che quell'istruttore rappresentasse l'agenzia a causa delle sue affermazioni. Aveva detto che sarebbe spettato a una giuria determinare in che misura la PADI potesse essere ritenuta responsabile della morte di Mills durante il processo.

"Credo che starò bene"

Quando gli investigatori federali hanno presentato un rapporto sull'incidente all'Assistente Procuratore degli Stati Uniti (AUSA) nel Montana nel 2021, lei ha deciso di non avviare un procedimento penale. "Anche se Snow era probabilmente in una certa misura colpevole della morte di Mills, non possiamo dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio che fosse penalmente colpevole", ha detto loro.

Ora che la causa civile è stata risolta, tuttavia, Concannon è pronto a contestare il processo utilizzato dagli investigatori per costruire il loro caso e a perseguire l'avvio di accuse penali.

L'avvocato del processo, che sostiene di non aver perso un processo dal 1995, è un subacqueo da quando aveva 14 anni. Ha anche condotto numerose spedizioni in acque profonde, di cui cinque al Titanic, uno dei quali ha guidato, ed è riuscito a trovare e recuperare i motori a razzo lunare Apollo F-1 del 1969, per i quali ha ricevuto una citazione dell'Explorers Club. Sua moglie era un'amica della famiglia Mills.

Poiché Gull Dive non aveva la licenza per operare commercialmente nel Glacier National Park, l'indagine iniziale è stata intrapresa dagli agenti del parco. Concannon ha detto che hanno fatto bene a consultare un'ampia gamma di specialisti subacquei.

Tuttavia, l'Investigative Services Bureau (ISB) del National Park Service ha preso rapidamente in carico il caso e, secondo Concannon, ha interrotto quei collegamenti con gli esperti, al punto da non riuscire a coinvolgere nemmeno l'ufficiale di sicurezza subacquea dell'NPS, normalmente incaricato di indagare sugli incidenti mortali delle immersioni. , la sua squadra di immersione o il pannello di controllo dell'immersione.

Mulini Linnea a 18m
Linnea Mills a 18m (Bob Gentry)

"Tra le prove che l'ISB ha rifiutato di esaminare o ignorato c'erano i profili di immersione di Debbie Snow e Linnea Mills, che mostravano che Snow era in superficie mentre Linnea stava annegando", ha detto Concannon Divernet. Ha detto che Snow aveva anche rimosso dalla scena le prove critiche – il computer subacqueo di Mills e gli effetti personali, compresi i moduli PADI incompleti.

Anche il video della morte di Mills e le prove che Snow fosse stato mentalmente compromesso in quel momento sono stati ignorati, ha detto, e gli standard di addestramento PADI sono stati rivisti solo dopo che l’istruttore era stato intervistato e da non subacquei.

Inoltre, secondo l'avvocato, non è stato detto che Shannon Gentry, una non subacquea, aveva interrogato la squadra Gull riguardo al fatto che Mills dovesse immergersi senza la muta stagna “e Linnea si è limitata ad alzare le spalle, dicendo: 'Se dicono che va tutto bene, immagino di andrà bene'."      

Catena di custodia

Concannon ha sottolineato le contraddizioni nella dichiarazione di Snow all'ISB, inclusa l'affermazione secondo cui i subacquei avrebbero effettuato controlli dell'attrezzatura pre-immersione anche se non sapeva quanto peso avesse Mills o dove si trovasse.

E mentre l’ISB aveva detto alla famiglia Mills che non era in grado di determinare gli effetti del suit-squeeze perché “nessuno lo aveva mai studiato prima”, Concannon dice di aver deferito l’ISB a due indagini, una del 2012 e un’altra in corso presso la Guardia Costiera canadese, “ma hanno semplicemente ignorato questa informazione. 

“Se ai federali importasse – e non sembrano essere troppo interessati – potrebbero seguire la catena di custodia del computer subacqueo e accusare per due anni tutti coloro che sono stati coinvolti nella sua rimozione dalla scena e nel suo trasporto fuori dallo stato”. , invece di consegnarlo agli investigatori", ha detto. "In effetti, in un caso che coinvolgeva un divemaster nelle Florida Keys, il DM fu accusato di aver preso un computer subacqueo e di non averlo consegnato allo sceriffo."

Ora spera che l'Assistente Procuratore degli Stati Uniti o il Dipartimento degli Interni, che sovrintende alla cosa NPS, può essere convinto a riaprire il caso. "Non so quanti insulti debba sopportare la famiglia Mills", ha detto al Corrente di Missoula. “Hanno perso la figlia ma poi il sistema li ha davvero delusi in modi fondamentali. Le persone coinvolte in tutto questo non hanno fatto il loro lavoro”.

E in seguito alla transazione civile Lisa Mills ha dichiarato: “L’assistente procuratore americano dovrebbe esaminare tutte le prove in modo obiettivo, con l’aiuto di investigatori ed esperti competenti, entrambi carenti nelle indagini precedenti”. 

Anche su Divernet: Il subacqueo annegato ha continuato a vivere da solo in condizioni non sicure, La posa di linee potrebbe aver evitato la morte di ScillaDue inchieste evidenziano i pericoli delle immersioni in solitariaVerdetti dell'inchiesta sulla morte di tre subacquei

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
scale di Clive
scale di Clive
1 anno fa

Una storia triste e scioccante, la povera ragazza non aveva alcuna possibilità. Le persone che hanno fatto immersioni a Linnea Mills sono pienamente responsabili e dovrebbero essere pienamente responsabili della sua morte!
Mi immergo da oltre 20 anni e non ho mai sentito parlare di qualcuno che abbia bisogno di 20 kg di peso?? Anche portare un subacqueo in acqua con una muta stagna senza alcun addestramento è completamente pericoloso, poco professionale e rischioso per un incidente.
All'istruttore coinvolto non dovrebbe essere consentito di insegnare mai più! Incompetente a tutti i livelli!

Tom Walker
Tom Walker
Rispondi a  scale di Clive
1 anno fa

Mi immergo da 55 anni e sono Istruttore PADI dal 1985, ora in pensione. MAI nei miei 55 anni di immersioni ho visto o sentito parlare di un subacqueo che necessitasse di 20 kg o 44 libbre di piombo come peso. Io uso 30 libbre per me con la muta stagna e sono ca. 180 libbre. Lasciare un subacqueo in acqua con una muta stagna senza manichetta, è sbagliato su così tanti livelli. Se non hai sentito la compressione in una muta stagna sott'acqua, diciamo solo che non è divertente. Questi cosiddetti istruttori, Dive master e quant'altro dovrebbero vergognarsi di se stessi e anche essere ritenuti responsabili

Tom Walker
Tom Walker
1 anno fa

L’Investigative Services Bureau (ISB) del National Park Service è uno scherzo. Ho dovuto gestire un incidente in barca dopo che non hanno fatto nulla per un anno e mezzo a Lincoln, nella contea di Washington. Era un ammasso.

SEGUICI SU

3
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x