Le microplastiche formano vasti cumuli di acque profonde

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Le microplastiche formano vasti cumuli di acque profonde

Microplastiche Ian Kane

Nella foto: Ian Kane.

Ogni anno più di 10 milioni di tonnellate di rifiuti plastici finiscono negli oceani, e fino ad ora si pensava che si degradassero in microplastiche che prima o poi sprofondano verticalmente per depositarsi sui fondali marini.

Ma ora un team scientifico guidato dal Regno Unito ha dimostrato che queste microplastiche sono controllate da potenti correnti di fondo che forniscono anche ossigeno e sostanze nutritive ai punti caldi della vita marina nelle profondità marine – e ha concluso che stanno formando enormi derive che minacciano di sopraffare questi ecosistemi.

I ricercatori guidati dal geologo Ian Kane dell’Università di Manchester e dal geoscienziato Michael Clare del National Oceanography Centre di Southampton hanno studiato le correnti dei fondali marini nell’area del Mar Tirreno del Mediterraneo al largo dell’Italia occidentale, parte della rete globale di flussi di acque profonde guidate dalla salinità. e differenze di temperatura.

Più della metà della plastica affonda immediatamente, mentre altre vengono trascinate giù in seguito una volta ricoperte di alghe o legate ad altra materia organica. La loro discesa, tuttavia, non è verticale, perché è probabile che siano spinti dalle correnti lungo canyon di acque profonde e diventino parte di “valanghe” sedimentarie fino al punto in cui le correnti si indeboliscono.

In questi punti si formano cumuli che potrebbero essere larghi molti chilometri e alti centinaia di metri, che probabilmente coincidono con quelli in cui si sono formati ecosistemi come le barriere coralline delle profondità marine.

I ricercatori hanno prelevato campioni di sedimenti da profondità di diverse centinaia di metri. Sotto il microscopio in laboratorio hanno separato e contato le microplastiche, utilizzando la spettroscopia a infrarossi per identificare i tipi di polimero rappresentati.

In un singolo strato spesso 5 cm che copre solo 1 metro quadrato sono stati trovati fino a 1.9 milioni di particelle di microplastica – il livello più alto mai registrato sul fondo del mare.

16 Maggio 2020

La maggior parte delle microplastiche dei fondali marini sono fibre provenienti da vestiti e tessuti, affermano gli scienziati. Questi mettono in pericolo gli organismi marini perché possono essere ingeriti da loro e, anche se originariamente non fossero tossici, è probabile che si accumulino tossine dannose sulle loro superfici.

“Gli articoli di plastica economici che diamo per scontati prima o poi finiscono da qualche parte”, affermano Kane e Clare.

"I vestiti che possono durare solo settimane nel tuo guardaroba rimangono per decenni o secoli sul fondo del mare, danneggiando potenzialmente le creature uniche e poco conosciute che vivono lì."

Il loro studio è pubblicato su Science.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x