La meningite ha ucciso uno squalo della Cornovaglia alla tenera età di 100 anni

meningite
Lo squalo della Groenlandia spiaggiato (Cornwall Marine Pathology Team)

La rara scoperta di una femmina di squalo della Groenlandia in Cornovaglia un mese fa ha ora portato a una diagnosi di meningite come motivo di quello che probabilmente era uno spiaggiamento vivo – e la prima prova dell’infezione nel vertebrato più longevo del mondo.

Leggi anche: Cosa ci fa uno squalo della Groenlandia nei Caraibi?

Lo squalo femmina di 4 metri è stato avvistato da un biologo della Zoological Society of London (ZSL) che portava a spasso il suo cane su una spiaggia vicino a Penzance il 13 marzo, ma prima che potesse essere raccolto per l'esame è stato ributtato in mare. 

Due giorni dopo la sua carcassa è stata vista galleggiare al largo di Newlyn da una barca turistica ed è stata recuperata dai volontari del Cornwall Wildlife Trust Marine Strandings Network.

Squali della Groenlandia (Microcefalo sonnifero) vivono nelle acque dell'Artico e del Nord Atlantico fino a una profondità di 2.6 km, ma la diagnosi di meningite potrebbe spiegare perché questo esemplare si è allontanato così tanto dal suo ambiente naturale. 

Infezione del suo cervello da parte del Pasteurella Si ritiene che il batterio abbia causato la malattia e portato alla morte prematura dello squalo. Gli squali della Groenlandia possono vivere per più di 400 anni e si ritiene che le femmine non raggiungano la maturità fino a circa 150 anni, il che rende questo esemplare giovane centenario. 

post mortem

I Post mortem è stato condotto dal Cornwall Marine Pathology Team, parte del Cetacean Stranding Investigation Program (CSIP) della ZSL. 

“Il corpo dello squalo era in pessime condizioni e c’erano segni di emorragia nei tessuti molli attorno al pettorale”. fini il che, insieme al limo trovato nel suo stomaco, suggerisce che potrebbe essere rimasta incagliata", ha detto il patologo del team James Barnett.

“Per quanto ne sappiamo, questo è uno dei primi Post mortem esami qui nel Regno Unito di uno squalo della Groenlandia e il primo caso di meningite in questa specie. 

"Questo sfortunato e straordinario spiaggiamento ci ha permesso di approfondire la vita e la morte di una specie di cui sappiamo poco", ha affermato Rob Deaville, responsabile del progetto CSIP.

“In definitiva, come la maggior parte della vita marina, anche le specie di acque profonde come gli squali della Groenlandia potrebbero essere influenzate dalle pressioni umane sull’oceano, ma in questa fase non ci sono prove sufficienti per stabilire alcun collegamento”. La specie è inclusa nell'elenco IUCN come vulnerabile.

Lanciato nel 1990, CSIP coordina le indagini su tutti gli spiaggiamenti di cetacei, tartarughe marine e squali elefante nel Regno Unito – più di 17,000 fino ad oggi – e insieme a quasi 4,500 post mortem ha raccolto uno dei più grandi set di dati di ricerca al mondo sugli spiaggiamenti e sulle cause di mortalità. I subacquei dovrebbero prendere nota del numero della hotline per gli avvistamenti, 0800 652 0333.

Anche sugli squali della Groenlandia Divernet: “Capsule del tempo vivente” di squali di 400 anni fa ed Lo squalo viveva dai tempi dei Tudor e degli Stuart.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x