Confermato l'evento di sbiancamento di massa della GBR

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

L'Autorità del Parco Marino della Grande Barriera Corallina ha confermato che sulla barriera corallina più grande del mondo si sta verificando un evento di sbiancamento di massa “molto diffuso”.

La barriera corallina era sotto pressione a causa dello stress da caldo accumulato durante l’estate australiana 2019/20, in particolare a febbraio e all’inizio di marzo. L’evento di sbiancamento di massa è il terzo a verificarsi dal 2016.

“Con il completamento dei rilievi aerei questa settimana, comprenderemo meglio la portata e la gravità di questo evento di sbiancamento”, ha dichiarato l’autorità il 26 marzo. “Ulteriori analisi continueranno nelle prossime settimane”.

Nelle due settimane precedenti erano state condotte rilevazioni aeree dall'ARC Center of Excellence for Coral Reef Studies presso la James Cook University, come riportato su Divernet all'inizio di questa settimana.

Le indagini hanno confermato che lo sbiancamento peggiore si è verificato sulle barriere coralline che avevano sofferto il massimo stress da calore, estendendosi su vaste aree. Alcune aree meridionali che hanno subito uno sbiancamento minimo o nullo negli eventi del 2016 e del 2017, questa volta hanno sofferto di sbiancamento moderato o grave.

Nell’estremo nord della GBR, dove i coralli sopravvissuti agli eventi precedenti erano “relativamente tolleranti al calore”, si era verificato uno sbiancamento da moderato a grave sulle barriere coralline più vicine alla terra.

Su una nota più positiva, l’autorità ha osservato che “le principali barriere coralline turistiche” nella GBR settentrionale e centrale avevano subito solo un moderato sbiancamento, da cui si prevedeva che la maggior parte dei coralli si riprendesse.

"È importante ricordare che i coralli sbiancati non sono coralli morti", ha affermato il GBRMPA.

“Sui reef leggermente o moderatamente sbiancati ci sono buone probabilità che la maggior parte dei coralli sbiancati si riprenda e sopravviva a questo evento. Allo stesso modo, sulle barriere coralline gravemente sbiancate, ci sarà una maggiore mortalità dei coralli”.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x