Vita marina ripristinabile entro il 2050

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Vita marina ripristinabile entro il 2050

Gobba X

Motivo per essere allegri: una megattera. (Immagine: 272447 Pixabay)

Un raro momento di positività per il futuro degli oceani del mondo è emerso da un nuovo studio internazionale. Eminenti scienziati marini hanno delineato un piano d’azione necessario per riportare la vita marina alla piena abbondanza entro il 2050 – e insistono sul fatto che non è troppo tardi per realizzarlo.

La ricerca è stata guidata dai professori Carlos Duarte e Susana Agusti del Centro di ricerca sul Mar Rosso della KAUST (King Abdullah University of Science & Technology). Nel Regno Unito l'Università di York ha partecipato allo studio, che ha coinvolto scienziati di 16 università di quattro continenti.

I partecipanti si sono rincuorati da ciò che descrivono come una prova della resilienza della vita marina e del rallentamento nel 21° secolo delle forti perdite di popolazione subite nel secolo precedente. 

Per alcune specie, come le megattere, sottolineano, è in corso il recupero da tali perdite. Negli anni ’1970 erano rimaste solo poche centinaia di megattere, ora ce ne sono decine di migliaia. 

“Siamo a un punto in cui possiamo scegliere tra l’eredità di un oceano resiliente e vibrante o un oceano irreversibilmente distrutto”, afferma Duarte. “Il nostro studio documenta il recupero delle popolazioni marine, degli habitat e degli ecosistemi a seguito di passati interventi di conservazione. Fornisce raccomandazioni specifiche e basate sull’evidenza per adattare soluzioni comprovate a livello globale”.

Gli scienziati ritengono che i tassi di recupero per la maggior parte dei componenti dell’ecosistema marino potrebbero essere accelerati per ottenere un recupero sostanziale nell’arco di una singola generazione umana, presupponendo uno sforzo concertato per affrontare il cambiamento climatico e interventi su scala sufficientemente ampia.

Hanno identificato nove componenti chiave della vita marina per il loro programma di recupero: paludi salmastre, mangrovie, fanerogame marine, barriere coralline, alghe, barriere coralline di ostriche, pesca, megafauna e acque profonde.

Il loro piano prevede l’implementazione di combinazioni di sei “cunei di recupero” o interventi: protezione sia delle specie che degli spazi, raccolta intelligente, ripristino degli habitat, riduzione dell’inquinamento e mitigazione dei cambiamenti climatici.

Pur riconoscendo che il piano richiede una cooperazione e una spesa internazionale senza precedenti, “la ricostruzione della vita marina rappresenta una grande sfida fattibile per l’umanità, un obbligo etico e un obiettivo economico intelligente per raggiungere un futuro sostenibile”, afferma Agusti.

“Abbiamo una finestra di opportunità ristretta per garantire un oceano sano alla generazione dei nostri nipoti, e abbiamo le conoscenze e gli strumenti per farlo”, afferma Duarte. “Non riuscire ad accettare questa sfida – e così facendo condannare i nostri nipoti ad un oceano infranto incapace di sostenere mezzi di sussistenza di alta qualità – non è un’opzione”.

13 Aprile 2020

“The success of many marine-conservation projects in recent years illustrates how we can make a real difference to life in our oceans if we apply the lezioni learnt from them at scale and with urgency,” says study co-author Prof Callum Roberts from the Department of Environment & Geography at York University.

“La pesca eccessiva e il cambiamento climatico stanno rafforzando la loro presa, ma c’è speranza nella scienza del ripristino. Ora disponiamo delle capacità e dell’esperienza per essere in grado di ripristinare habitat marini vitali come le barriere coralline di ostriche, le paludi di mangrovie e le saline – che mantengono i nostri mari puliti, le nostre coste protette e forniscono cibo per sostenere interi ecosistemi.

“La scienza ci dà motivo di essere ottimisti riguardo al futuro dei nostri oceani, ma al momento non stiamo facendo abbastanza nel Regno Unito o a livello globale”.

Lo studio “Rebuilding Marine Life” è pubblicato su Nature.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x