Il killer dei monelli si riversa nel Mar Rosso

Riccio nero sano a spina lunga, che mostra il suo cono periprottale (Quartl)
Diadema setosum sano, che mostra il suo cono periprottale o ano (Quartl)

Un allarmante parassita killer che riduce i ricci di Mar Nero a scheletri entro due giorni si è diffuso dal Mediterraneo attraverso il Canale di Suez, spazzando via le popolazioni di ricci nel Golfo di Aqaba e minacciando un effetto a catena sulle barriere coralline del Mar Rosso più a sud.

Gli scienziati dell’Università di Tel Aviv in Israele stanno indagando sull’epidemia, che secondo loro ha ucciso tutti i ricci di mare neri (Diadema setoso) nel golfo nel giro di pochi mesi. L’eradicazione è importante perché i ricci di mare, e questa specie in particolare, sono considerati essenziali per il sano funzionamento delle barriere coralline. 

Riccio di mare nero morente (dottor Omri Bronstein)
Riccio di mare nero morente (dottor Omri Bronstein)

Si ritiene che l'assassino sia lo stesso o un simile parassita ciliato patogeno che negli anni '1980 ha quasi sradicato la popolazione di ricci di mare dei Caraibi, causando quello che gli scienziati dicono essere un danno irreversibile alle barriere coralline. L’anno scorso la malattia è scoppiata di nuovo nei Caraibi, spazzando via le popolazioni di ricci sopravvissute. L'assassino era identificato solo di recente come un ciliato, come riportato sopra Divernet nel mese di aprile.

Gli scienziati affermano che, dopo che nelle acque al largo della Grecia e della Turchia sono state riscontrate numerose morti di ricci di mare, ora vengono segnalate anche in altri paesi più a sud oltre a Israele, tra cui Giordania, Egitto e Arabia Saudita. Con l’epidemia che si sta diffondendo a un ritmo che chiamano senza precedenti, hanno presentato un rapporto urgente alla Israel Nature & Parks Authority e affermano che sono in discussione misure di emergenza per salvare le barriere coralline.

With coral already at risk because of climate change, “a previously unknown variable has been added”, say the researchers, who are led by Dr Omri Bronstein. “The sea urchins are the reef’s ‘gardeners’,” he says. “They feed on the algae and prevent them from taking over and suffocating the corals that compete with them for sunlight. 

“Purtroppo questi ricci di mare non esistono più nel Golfo di Eilat [Aqaba] e stanno rapidamente scomparendo dalle parti in continua espansione del Mar Rosso più a sud.

Video sull'epidemia dei ricci di mare (Università di Tel Aviv)

“All’inizio pensavamo si trattasse di una sorta di inquinamento o avvelenamento, o di una fuoriuscita di sostanze chimiche locali, da parte dell’industria e degli hotel nel nord del Golfo di Eilat, ma quando abbiamo esaminato altri siti a Eilat, in Giordania e nel Sinai, abbiamo subito capito che che non si è trattato di un incidente locale. Tutti i risultati indicavano un’epidemia in rapida diffusione”. 

Erano morti anche i ricci di mare allevati per la ricerca negli acquari universitari, probabilmente colpiti dall'agente patogeno penetrato attraverso i sistemi di pompaggio. “È una morte rapida e violenta”, afferma il dottor Bronstein. “In soli due giorni un riccio di mare sano diventa uno scheletro, con una massiccia perdita di tessuto. 

“Mentre alcuni cadaveri vengono portati a riva, la maggior parte dei ricci di mare vengono divorati mentre stanno morendo e incapaci di difendersi, il che potrebbe accelerare il contagio da parte dei pesci che li predano”.

Riccio morto mangiato dai pesci (Università di Tel Aviv)
Riccio morto mangiato dai pesci (Università di Tel Aviv)

I ricci di mare neri erano essi stessi una specie invasiva nel Mediterraneo, essendo stati rinvenuti lì solo a partire dal 2006, ma sono rimasti una presenza insignificante fino al 2018, quando popolazioni di decine di migliaia sono diventate evidenti nelle acque greche e turche. 

“Nel Mar Rosso, la mortalità si sta diffondendo a un ritmo sorprendente e comprende già un’area molto più ampia di quella che vediamo nel Mediterraneo”, ha affermato il dottor Bronstein. “Sullo sfondo c’è ancora una grande incognita: cosa sta realmente uccidendo i ricci di mare? È l’agente patogeno dei Caraibi o qualche fattore nuovo e sconosciuto? 

“In ogni caso, questo agente patogeno è chiaramente trasportato dall’acqua, e prevediamo che in breve tempo l’intera popolazione di questi ricci di mare, sia nel Mediterraneo che nel Mar Rosso, si ammalerà e morirà”.

Il dottor Bronstein suggerisce che una popolazione di “riproduttori” di ricci sani provenienti dalla costa mediterranea di Israele dovrebbe essere creata urgentemente, in modo che, se vengono spazzati via nel Mar Rosso, possano essere ristabiliti in un secondo momento. “Si tratta di un compito complesso, ma assolutamente necessario se vogliamo garantire la sopravvivenza di questa specie unica, così fondamentale per il futuro delle barriere coralline”.

Le Università di Tel Aviv team’s studies of the problema sono pubblicati in La scienza della Royal Society Aperto ed Frontiere nella scienza marina.

Anche su Divernet: Blue Goos e monelli con il cappello – ma perché?, La barriera corallina sconosciuta

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x