Strano ma vero…

Il Remo
Il Remo

Jonathan Bird ha avuto una strana esperienza durante un'immersione alle Bahamas l'anno scorso. Vide questa specie di pesce allungato, con due lunghe antenne, che terminavano con una specie di esca da pesca, di colore giallo brillante.

The creature had a large plume on its head, and was propelled through the water in an upright position by an undulating pinna that ran the length of its back. Coo-er!

Scusate, questa volta non si trattava di un serpente marino, ma dell'avvistamento decisamente raro di una creatura decisamente rara: il pesce remo (e basta, a lato).

COME direttore della fotografia subacqueo professionista, trascorro gran parte del mio tempo immergendomi in diverse parti del mondo e filmando le creature che trovo.

Generalmente fotografo le cose che vendono – squali, delfini, balene e altri grandi animali – ma a volte incontro specie che non ho mai visto o di cui non ho mai sentito parlare.

oarfish
oarfish

Raramente sono così insoliti come il mio incontro con un pesce remo.

All'inizio di maggio del 1996 trascorsi diversi giorni immersioni intorno a New Providence alle Bahamas. In questo particolare incarico stavo scattando foto di squali seta.

È noto che i Silkies frequentano un sito di immersione chiamato AUTEC (Atlantic Undersea Test and Evaluation Center) Buoy.

This is a buoy about 10m across anchored in about 2000m of water by the US Navy for use in submarine testing at the Tongue of the Ocean, off Nassau (described in the May 1997 problema of Diver).

Quando non vengono testati sottomarini, la Marina consente alle barche per le immersioni di aggirare la boa. È risaputo che i grandi oggetti galleggianti come boe, tronchi o alghe di sargasso attirano spesso un gran numero di pesci.

Nessuno sa con certezza perché ciò accada, ma può darsi che i piccoli pesci cerchino rifugio dai predatori più grandi in queste comode aree di sosta, e che i pesci più grandi vadano lì per cacciare i pesci più piccoli.

Alcuni biologi sospettano che a loro piaccia semplicemente l'ombra.

Sono saltato giù dalla barca verso mezzogiorno e ho iniziato una lenta discesa. Quando ho raggiunto circa 12 metri mi sono fermato e ho aspettato che gli squali passassero, mentre il capitano della barca si dava da fare con l'acqua sopra.

Con la coda dell'occhio ho visto una forma ascendere dal blu senza fondo, a circa 20 metri di distanza. Anche il mio compagno di immersioni, Brian, l'aveva visto e stava nuotando verso di esso. Mi sono unito all'inseguimento.

Pinneggiando il più velocemente possibile, ho tenuto d'occhio la forma per determinare cosa potesse essere. Era una specie che non riconoscevo.

Aveva un corpo compresso a forma di nastro estremamente sottile posizionato verticalmente nell'acqua con l'estremità anteriore rivolta verso l'alto.

Aveva due lunghe antenne con quelle che sembravano esche da pesca gialle a forma di diamante alle estremità e per tutta la lunghezza di ciascuna.

La creatura aveva un grande pennacchio di ciocche sulla testa rivolte verso l'alto e il suo corpo appariva argentato e riflettente. Suo pinna dorsale correva per tutta la sua schiena e ondeggiava per spingerlo avanti.

It had no caudal pinna as the body tapered to a point where the tail would normally be, and its large eyes immediately made me think that I was looking at a deep-sea creature.

La mia unica fotografia e le due o tre di Brian sono le uniche che siamo riusciti a ottenere. Quando siamo tornati al molo e abbiamo descritto il pesce alle persone del negozio di immersione, hanno pensato che fossimo vittime della narcosi da azoto.

Non avevano mai visto un pesce del genere anche se si erano immersi nel sito centinaia di volte prima.

I contacted Dr Milton Love, an ichthyologist at the University of California at Santa Barbara.

Lavorando su una diapositiva duplicata, identificò il pesce come il pesce remo (Regalecus glesne) notando, tuttavia, che la testa appariva più smussata rispetto alle illustrazioni esistenti.

Per sicurezza, ha passato l'immagine a un altro esperto che ha confermato l'identificazione, stupito dal fatto che probabilmente siamo stati i primi subacquei a fotografare questo animale nel suo habitat naturale.

Il remo potrebbe essere la creatura che ha dato origine alle leggende sui “serpenti marini”.

oarfish
oarfish

Questo pesce lungo e magro, con la sua strana testa ricoperta di sporgenze e che raggiunge una lunghezza forse pari a 15 metri, sarebbe certamente più che sufficiente per spaventare a morte un marinaio ubriaco.

Il primo resoconto del pesce risale probabilmente al 1771 quando Danese Il naturalista Morton Brunnich ha preso nota di una bestia che ha trovato spiaggiata su una spiaggia in Norvegia.

The oarfish, named because of its long oar-like pelvic fini, was completely new to science.

I pochi esemplari di questi pesci apparsi nel corso degli anni sono stati solitamente trovati morti in superficie o trascinati sulla spiaggia, quindi si sa poco della loro vita o delle loro abitudini.

Several new pieces of scientific information were learned from our brief encounter. In observing a living animal we discovered that the fish swims with undulations of the dorsal pinna only, not the entire body.

We also found that it seems to prefer a vertical orientation in the water column. The way it holds its pelvic fini was not known before, and its silvery coloration was different from that seen in the dead specimens.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x