La manta delle Maldive ritorna dalla morte

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

La manta delle Maldive ritorna dalla morte

Babaganoush prima e dopo

Babaganoush nel novembre 2108 (a sinistra) e ristabilito in salute questo maggio. (Foto: Flossy Barraud (a sinistra) e Simon Hilbourne / Manta Trust)

Un maschio di manta chiamato Babaganoush, ben noto ai biologi marini e ai subacquei delle Maldive, è riapparso nella baia di Hanifaru nell'atollo di Baa sei mesi dopo aver subito quelle che si credeva fossero ferite mortali a causa dell'impatto di un motoscafo.

Babaganoush era una delle oltre 5000 mante della barriera corallina (Mobula Alfredi) da identificare in base ai loro schemi di macchie come parte del progetto Maldivian Manta Ray, gestito dall'ente di conservazione e ricerca Manta Trust. Era stato avvistato più di 200 volte dal 2005.

Nel novembre 2018, però, i ricercatori del Manta Trust hanno filmato il raggio con le gravi ferite mostrate nella foto a sinistra. Le mante delle Maldive sono vulnerabili agli urti con le barche mentre si nutrono o viaggiano in superficie, dice il fondo, soprattutto al di fuori delle poche piccole aree marine protette in cui sono imposte restrizioni sulla velocità delle barche.

16 Maggio 2019

Il team ha riferito che le ferite erano tra le peggiori mai registrate su una manta vivente. L'elica aveva tagliato così profondamente la sua cavità corporea che i suoi organi interni erano esposti.

Poi il 4 maggio Babaganoush è tornato a Hanifaru Bay “con un aspetto sano ed estremamente guarito”, secondo i ricercatori. Dicono che il recupero illustra "la notevole capacità delle mante di resistere alle infezioni e di guarire, permettendo loro di sopravvivere - almeno a volte - a ferite che pensavamo si sarebbero rivelate fatali".

Sottolineano che l’incidente illustra anche l’impatto sempre più negativo degli esseri umani su specie come mante, tartarughe e squali balena, anche nei paesi che li proteggono dalla pesca.

“Ogni anno, poiché il traffico di motoscafi aumenta in modo significativo alle Maldive, dove in gran parte del paese vigono limiti di velocità minimi o nulli, la vita marina della nazione si trova ad affrontare una seria minaccia derivante dagli impatti non regolamentati del rapido sviluppo umano”, afferma Manta. Fondatore e CEO di Trust, il dottor Guy Stevens.

“Sono quindi necessarie azioni urgenti da parte del governo delle Maldive per attuare norme di gestione efficaci, in particolare nei principali siti di aggregazione della megafauna e lungo i corridoi migratori”.

Il Manta Trust offre la possibilità di adottare le mante qui .

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x