Le acque a bassa visibilità rendono i pesci nervosi

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Le acque a bassa visibilità rendono i pesci nervosi

Pesce pagliaccio X

Pesce pagliaccio alla cannella. (Foto: Sofia Jain-Schlaepfer / ARC)

A quanto pare, i pesci non apprezzano le condizioni di scarsa visibilità più di quanto non facciano i subacquei. Secondo gli scienziati australiani, diventano ansiosi e più cauti quando i sedimenti degradano la qualità dell’acqua – e il risultato può essere un rallentamento della crescita e una cattiva salute.

L’attività umana ha visto depositarsi più sedimenti nelle acque costiere che mai, afferma la dott.ssa Jodie Rummer dell’ARC Center of Excellence for Coral Reef Studies, che ha sede presso la James Cook University di Townsville: soprattutto la loro capacità di sfuggire ai predatori”.

La dottoranda Sybille Hess ha guidato un team che ha esaminato la risposta di un pesce pagliaccio cannella di un mese a un attacco simulato di un predatore dopo aver vissuto in una vasca piena di sedimenti per sette giorni.

28 Dicembre 2018

"Abbiamo scoperto che i pesci hanno risposto più velocemente e sono stati in grado di scappare dall'attacco simulato del predatore in modo più efficace rispetto a quelli che vivono in acque limpide, il che suggerisce che i pesci sono in massima allerta a causa della diminuzione della visibilità", ha detto Hess.

I pesci che vivono in acque torbide erano anche meno attivi nella ricerca del cibo ed evitavano le aree aperte. “Ma mentre risposte più rapide e un’attività di foraggiamento più cauta possono aumentare i tassi di sopravvivenza in ambienti a bassa visibilità dove sono presenti predatori, c’è un prezzo da pagare”, ha affermato Hess.

Il compromesso è che l’energia aggiuntiva spesa per evitare i predatori riduce l’energia disponibile per la crescita, il mantenimento e la riproduzione, il che alla fine potrebbe rivelarsi più dannoso per le popolazioni di pesci preda rispetto ai predatori stessi.

“È particolarmente dannoso per i pesci giovani del reef, poiché la sopravvivenza è già piuttosto bassa durante questa fase critica della storia della vita”. disse il dottor Rummer.

I giovani pesci pagliaccio che normalmente migrerebbero frequentemente tra gli anemoni ospiti potrebbero probabilmente frenare tale comportamento rischioso in condizioni di scarsa visibilità, ha detto. Ciò potrebbe limitare il loro accesso al cibo e la possibilità di trovare una casa adeguata.

"Il semplice fatto di sopportare una visibilità ridotta potrebbe essere sufficiente per influenzare i pesci", ha affermato il dott. Rummer. Quando i pesci si sentono costantemente in pericolo “questo rischio percepito toglie energia ad altri compiti importanti – gli effetti collaterali potrebbero includere una crescita ridotta e un sistema immunitario compromesso”.

Il team ora intende rivolgere la propria attenzione agli effetti delle condizioni di scarsa visibilità sui predatori.

Il loro studio è pubblicato su Coral Reefs..

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x