LabMA: aprire le porte alle immersioni in Montenegro

Relitto del Montenegro
Motore Spitfire dal sito del relitto in Montenegro (LabMA)

La nazione balcanica del Montenegro, che ha una costa adriatica orientale di 300 km, è ansiosa di iniziare ad attrarre turisti amanti delle immersioni subacquee – e come parte di questo processo ha appena aperto la sua prima unità di ricerca di archeologia subacquea.

Il Laboratorio di Archeologia Marittima (LabMA) fa parte del Centro di ricerca, innovazione e imprenditorialità dell’Università del Montenegro, con sede nella città costiera di Kotor. La sua missione dichiarata è quella di indagare, documentare, interpretare e promuovere i siti archeologici marittimi e il patrimonio culturale sottomarino di tutte le epoche, sostenere lo sviluppo di politiche e aumentare la consapevolezza pubblica delle risorse sottomarine del Montenegro.

Leggi anche: L'app gratuita offre esempi di immersioni sui relitti dell'Adriatico

“I reperti archeologici all’interno del bacino montenegrino, sebbene non sufficientemente esplorati, sono molto diversificati”, promette LabMA. "Ci sono ampie prove di resti di naufragi che vanno dalle navi mercantili ellenistiche e romane, alle navi del Medioevo, a quelle che furono utilizzate nel secolo precedente principalmente per scopi militari." 

Analisi dei dati del relitto 3D
Analisi dei dati del relitto 3D (LabMA)

“I loro luoghi di riposo devono essere identificati, mentre i resti già identificati del patrimonio culturale marittimo e sottomarino devono essere riconosciuti come un contributo incommensurabile all’attrattiva della costa montenegrina”.

LabMA si è impegnata a sostenere l'attuazione delle disposizioni della Convenzione UNESCO del 2001 sulla protezione del patrimonio culturale sottomarino, promuovendo al contempo il turismo sostenibile.

Esempi di relitti esistenti del 20° secolo che secondo il laboratorio potrebbero attrarre i subacquei internazionali includono il cacciatorpediniere francese della Prima Guerra Mondiale Pugnale, estratto nei pressi del porto di Bar, dove giace a 18 metri di profondità; e la miniera di carbone austro-ungarica tihany, affondata dopo essersi arenata nel 1917 e giaceva a 45 metri nella baia di Bocche di Cattaro.

Ponte Dague
Ponte del relitto del cacciatorpediniere francese Dague (LabMA)

Nella stessa baia si trova il relitto del Supermarine Spitfire MK IX Trop (versione tropicale): nel 1944 l'aereo fu colpito da colpi di arma da fuoco AA durante un attacco e si schiantò in mare, dove giace sulla sabbia a 32 metri. Il pilota fuggì ma fu catturato dalle forze tedesche. I centri di immersione nella città di Herceg Novi possono organizzare immersioni sullo Spitfire e tihany siti di relitti, mentre il Pugnale può essere tuffato da Bar.

"Cinque centri di immersione operano sulla costa secondo gli standard PADI/SSI, e la qualità del servizio sta emergendo da quello che in precedenza era uno stile militare CMAS", ha detto il capo del LabMA, l'archeologo marittimo Darko Kovacevic Divernet

Precedentemente con Heritage Malta, Kovacevic è stato coinvolto con il Montenegro attraverso il progetto Wrecks4All, finanziato dall'UE, che mira a sviluppare il turismo basato sui siti del patrimonio sottomarino del paese. 

Relitti del Montenegro
Prua del relitto del piroscafo Tihany (LabMA)

Wrecks4All utilizza tecniche di realtà virtuale e aumentata per rendere i siti più accessibili sia ai turisti subacquei che a quelli non subacquei, e ha in programma di produrre nove tour VR e AR, nonché una mappa virtuale dei sentieri del patrimonio sottomarino a Cattaro. 

"Come risultato del progetto, sono riuscito a creare il Laboratorio di Archeologia Marittima presso l'università", ha affermato Kovacevic, che considera la sua apertura come il primo passo nella "creazione di una rete di parti interessate per istituzionalizzare lo sviluppo del turismo subacqueo" in Montenegro. 

Secondo un studio indipendente nel 2019, all'epoca erano state adottate poche misure ufficiali per valutare o proteggere i siti sottomarini del Montenegro: "Un relitto del XV secolo situato nella baia di Kotor ha ottenuto la protezione legale, ma non sono stati compiuti ulteriori passi e si ritiene che che è ancora in fase di saccheggio, senza alcun modo di monitorare il sito o di imporre la protezione”, ha riferito.

Relitti del Montenegro
Rilievo di un sito archeologico (LabMA)

LabMAL'elenco completo degli obiettivi di inizia con la mappatura completa dei fondali marini delle acque territoriali montenegrine e l'identificazione del patrimonio culturale sottomarino. Si prevede inoltre di elaborare il materiale archeologico sottomarino proveniente da collezioni private, di rintracciare il materiale mancante in patria e all'estero e di creare un database online portale dei siti archeologici sottomarini.

Il laboratorio ha quattro dipendenti permanenti e una propria barca per immersioni da 8.5 metri, oltre ad apparecchiature per immersioni subacquee, fotogrammetria subacquea, acquisizione dati con scansione laser e apparecchiature di rilevamento remoto, stampanti 3D e computer.  

“La mappatura delle acque territoriali richiederà sicuramente del tempo – credo dai quattro ai cinque anni se tutto andrà bene”, ha detto Kovacevic. “Una parte delle acque è già mappata e ci sono siti da individuare e target da verificare.

“LabMA utilizzerebbe diverse risorse per la mappatura mediante sonar multifascio e a scansione laterale, ma per lo più risorse esistenti in collaborazione con l’unità idrografica dell’Istituto di meteorologia e sismologia, che possiede una nave da ricognizione”. Maggiori informazioni su LabMA può essere trovato qui.

Anche su Divernet: Chi ha disturbato il sito dell'antica anfora mediterranea?, Il sub recupera la spada del crociato in Med, I subacquei indagano sul "relitto più antico del mondo"

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Giovanni Greenwood
Giovanni Greenwood
1 anno fa

Ho fatto 2 immersioni dalla riva in Montenegro nel 2013 – spero davvero che le cose siano migliorate. Ho visto solo la spazzatura gettata in mare dalle scogliere, non era neanche una spazzatura interessante. Il negozio di immersione è stato felice di noleggiarmi il kit e di mandarmi al largo della spiaggia da solo - il che avrebbe dovuto essere un campanello d'allarme - ma ho convinto un abitante del negozio a venire con me! Avrei dovuto semplicemente andarmene e risparmiare i miei soldi.

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x