È ufficiale: gli squali confondono gli umani con le foche

Foto di squalo di Elias Levy.
Foto di squalo di Elias Levy.

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I subacquei potrebbero pensare che sia risaputo che gli squali mordono gli esseri umani perché li confondono con prede naturali come le foche, ma solo ora questa teoria dell’“identità sbagliata” è stata confermata.

Nel primo studio scientifico condotto sull’argomento, un team internazionale ha creato un sistema visivo virtuale del grande squalo bianco per capire come i predatori all’apice vedono il mondo.

Leggi anche: Snorkeller perde piede a causa di uno squalo nel TCI

Al Taronga Zoo di Sydney hanno ottenuto e confrontato video filmati di foche e di esseri umani che nuotano e remano su tavole da surf per prevedere cosa vede un giovane squalo quando guarda dal basso.

“Fino ad ora, la potenziale somiglianza tra gli esseri umani e le foche è stata valutata sulla base della visione umana”, ha affermato l’autrice principale, la dott.ssa Laura Ryan della Macquarie University australiana.

“Tuttavia, gli squali bianchi hanno un’acuità visiva molto inferiore alla nostra, il che significa che non possono vedere i dettagli più fini e non hanno una visione dei colori. In questi esperimenti siamo riusciti a vedere il mondo attraverso gli occhi di uno squalo bianco”.

I giovani si sono rivelati incapaci di discriminare tra gli umani e le foche sopra di loro. Gli squali bianchi più giovani, lunghi meno di 2.5 metri, sono responsabili di una grande percentuale di morsi sugli esseri umani, nella fase della vita in cui le loro mascelle si stanno indurendo per consentire loro di incorporare le foche nella loro dieta.

“They need to develop a search image for these prey items and combine that with other sensory information; it’s a learning process that could be prone to mistakes,” said Macquarie’s head of biological sciences Prof Nathan Hart.

Nello studio sono state coinvolte anche l’Università di Exeter, l’Università di La Trobe, l’Oceans Research Institute, l’Università dell’Australia Occidentale, l’Università di Bristol, la Flinders University e il Dipartimento delle industrie primarie del New South Wales.

"Confermiamo la plausibilità della teoria dell'identità errata da un punto di vista visivo, ma gli squali possono anche rilevare le prede utilizzando altri sistemi sensoriali", ha sottolineato il dottor Ryan. “Anche se sembra improbabile che ogni morso di un essere umano da parte di uno squalo bianco sia il risultato di un errore di identità, in circostanze in cui oggetti di superficie come i surfisti vengono presi di mira dal basso, è molto possibile”.

L’incertezza pubblica sulle ragioni degli attacchi di squali suscita preoccupazioni che possono portare a misure punitive di riduzione degli squali, ha affermato il dottor Ryan. “Si spera che una maggiore comprensione porti a soluzioni migliori che non solo prevengano i morsi di squalo ma non mettano inutilmente in pericolo altri animali selvatici marini.

“In effetti, i risultati di questo studio hanno ispirato la progettazione di dispositivi di mitigazione degli squali non invasivi basati sulla visione, che sono attualmente in fase di test”.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Interface della Royal Society.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x