Inizia la ricostruzione del naufragio irlandese

naufragi in Irlanda
Il visualizzatore di relitti irlandese. CRED: Servizio dei monumenti nazionali dell'Irlanda

I relitti nelle acque irlandesi senza proprietario noto diventeranno proprietà statale se la nuova legislazione proposta dal Dipartimento del patrimonio del paese sarà approvata, mentre la legge esistente sul salvataggio commerciale non si applicherebbe più a tutti i relitti ritenuti storici.

"Se attuata, questa legislazione rafforzerà sostanzialmente la protezione del patrimonio archeologico per il godimento delle generazioni future", ha detto il ministro di Stato per il Dipartimento per l'edilizia abitativa, il governo locale e il patrimonio, Malcolm Noonan, a una commissione parlamentare mista.

La settimana scorsa (27 gennaio) Noonan ha presentato al comitato un piano per sostituire le leggi nazionali sui monumenti dal 1930 al 2014 con una nuova legge sui monumenti e sull’archeologia. 

La proposta prevede la sostituzione dei sistemi sovrapposti con un unico Registro dei Monumenti, che includerebbe relitti storici e “oggetti archeologici culturali sottomarini”. Se definito in questo modo, un relitto sarebbe protetto legalmente attraverso un obbligo di licenza. 

Noonan vuole anche introdurre uno schema di segnalazione legale per i siti archeologici appena scoperti, con tutti i reperti da segnalare al Museo Nazionale d'Irlanda, e introdurre disposizioni per prevenire l'importazione e il possesso illeciti di beni culturali rubati. 

Convenzioni sul patrimonio

L'Irlanda verrebbe inoltre messa in grado di far valere le convenzioni internazionali relative alla protezione del patrimonio culturale. 

La Convenzione UNESCO del 1972 riguardante la protezione del patrimonio culturale e naturale mondiale, ratificata dall’Irlanda nel 1991, darebbe per la prima volta una base al termine “Proprio del patrimonio mondiale” nella legge irlandese. E la Convenzione UNESCO del 1970 sui mezzi per vietare e prevenire l’importazione, l’esportazione e il trasferimento illeciti di proprietà di beni culturali; e verrà ratificata la Convenzione UNIDROIT del 1995 sui beni culturali rubati o esportati illegalmente.

I relitti storici e gli oggetti archeologici sottomarini senza proprietario noto sarebbero designati proprietà statale, mentre la legge sul salvataggio commerciale – in particolare i diritti di essere riconosciuti come salvatori in possesso o di richiedere ricompense per il salvataggio – non si applicherebbe più ai relitti storici.

Nell’ambito di un nuovo sistema di licenze integrato, un’unica licenza potrebbe essere utilizzata per autorizzare una serie di attività regolate dal disegno di legge. Verrebbe introdotto un processo di appello legale per coprire le decisioni normative.

Verrebbero introdotti almeno tre inventari obbligatori (beni architettonici, siti archeologici e relitti storici). Le sanzioni per i reati previsti dalla proposta di legge si estenderebbero fino a cinque anni di reclusione e 10 milioni di euro di multa.

I progetti di legge del governo irlandese devono passare attraverso cinque fasi sia nel Dáil che nel Seanad prima di essere convertiti in legge.

Si sa che circa 15,000 relitti si trovano nel Nord Atlantico intorno all'Irlanda, sebbene la maggior parte non sia stata mappata. Nel 2018 l'Ireland National Monuments Service ha introdotto un online Visualizzatore di relitti mostra le posizioni di oltre 3,500 siti conosciuti su un'area di 920,000 kmq, risalenti al XVI secolo. Si stima che questi rappresentino il 16% del totale nei registri del governo irlandese.

Tra questi c'è il più famoso, il transatlantico britannico RMS Lusitania, che fu silurato da un sottomarino nel 1915 e si trova a una profondità di oltre 90 metri. La tomba di guerra è protetta dai National Monuments Acts.

Nel 2015 il proprietario americano del relitto, il defunto Gregg Bemis, ha accusato il governo irlandese di "abbandonare il relitto a pirati e cacciatori di tesori" a causa di regole rigide che, secondo lui, ostacolavano la sua capacità di organizzare immersioni subacquee per recuperare manufatti. 

Ma l'anno successivo un telegrafo pensò di contenere degli indizi al riguardo LusitaniaL'affondamento dell' è stato localizzato e poi lasciato cadere e perso mentre veniva sollevato durante una missione di recupero. 

L'allora ministro del patrimonio subì pressioni quando in parlamento furono sollevate domande sul motivo per cui a un subacqueo fosse stato permesso di effettuare il recupero non accompagnato da un archeologo.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x