La costa di Hurghada è stata chiusa dopo la morte di uno squalo

Attacco di squali sulla spiaggia di Hurghada
Spiaggia di Sahl Hasheesh (Josh F. Drake)

Un tratto della costa del Mar Rosso intorno a Hurghada è stato chiuso ai subacquei e ad altri utenti dell’acqua per almeno tre giorni in seguito all’incontro fatale di uno snorkeller con uno squalo venerdì 1 luglio.

La vittima, una donna austriaca di 68 anni, presumibilmente residente nella zona, era in acqua appena al largo della spiaggia vicino al molo e ha perso un braccio e una gamba nell'attacco. Era in condizioni critiche quando è stata portata in ambulanza all'ospedale del Nilo della città ed è stata dichiarata morta subito dopo l'arrivo poiché i tentativi di rianimarla sono falliti.

L'incidente è avvenuto a Sahl Hasheesh, una baia tra Hurghada e Safaga, a sud, popolare tra i turisti. Il governatorato del Mar Rosso ha ordinato la chiusura temporanea del mare intorno a Hurghada per tutte le attività ricreative.

Gli astanti avevano ripreso con il telefono le riprese video dell'incidente, che coinvolgeva uno squalo provvisoriamente identificato come mako, e dello snorkeller che cercava di mettersi in salvo, anche se non era chiaro come fosse riuscita a raggiungere la riva.

Anche se negli ultimi anni si sono verificati numerosi incidenti offshore nel Mar Rosso, che spesso hanno coinvolto squali pinna bianca oceanici, è molto raro che vengano segnalati incontri dannosi lungo la costa.

Nel 2019 gli incidenti in mare aperto hanno spinto la Camera egiziana delle immersioni e degli sport acquatici a lanciare un programma educativo sulla sensibilizzazione sugli squali per gli operatori e il personale subacqueo e a introdurre restrizioni sull'alimentazione dei pesci, sullo smaltimento dei rifiuti e sulla pesca nelle aree in cui tali attività potrebbero essere considerate responsabili di influenzando il comportamento degli squali. 

Questi e altri incidenti hanno spinto il fotoreporter degli squali Ekrem Parmaksiz a scrivere tuffatore rivista l'anno scorso, per consultare un numero di professionisti subacquei del Mar Rosso che ritenevano che l'aumento della temperatura dell'acqua del Mar Rosso potesse spiegare il comportamento imprevedibile degli squali. 

Gli attacchi di squali in superficie sono generalmente considerati dagli esperti come il risultato di morsi investigativi poiché uno squalo scambia una persona per la sua preda naturale.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x