La giuria impiccata è stata congedata nel processo per omicidio colposo di Stoney

omicidio colposo
(Lynne Kirton/Stoney Cove)

Una giuria non è riuscita a raggiungere un verdetto nel processo contro il Master Instructor PADI Nigel Craig per omicidio colposo colposo ed è stata assolta da ogni ulteriore coinvolgimento nel caso, che dipende dalle azioni dell'istruttore durante una sosta di sicurezza di tre minuti nell'entroterra di Stoney Cove. sito nel 2016. 

Craig, 55 anni, di Northampton, nega l'accusa, che riguarda la morte di Richard Stansfield, 40 anni, mentre era sotto la sua cura per un corso di formazione.

La giuria della Leicester Crown Court è stata ridotta a 11 durante il processo dopo che un membro è risultato positivo al Covid-19, secondo un rapporto del Leicester Mercury

Il giudice dell'Alta Corte, il signor Justice Pepperall, aveva dato alla giuria un orientamento a maggioranza, che richiede che non meno di 10 giurati su 11 siano d'accordo su un verdetto. Tuttavia, dopo diverse ore di deliberazione di ieri (30 marzo), la presidentessa ha informato il giudice che non era stato possibile raggiungere quella maggioranza.

Si dice ora che il Crown Prosecution Service stia valutando se procedere o meno con un nuovo processo, con un annuncio atteso la prossima settimana. Craig è stato rilasciato su cauzione.

Difficoltà respiratorie

All'inizio del procedimento, la giuria aveva sentito che Craig aveva insistito per completare una sosta di sicurezza di tre minuti a 5 metri nonostante il fatto che il suo studente avesse difficoltà respiratorie. Si scoprì che Stansfield era morto per annegamento provocando un arresto cardiaco in ospedale nel corso della giornata. 

L'accusa, James House QC ha affermato che l'applicazione di un fermo non essenziale da parte di Craig aveva portato la vittima al panico e, infine, alla sua morte, secondo i precedenti rapporti del procedimento giudiziario nel caso mercurio.

Stansfield si immergeva da circa un anno, aveva completato 30 immersioni e si era qualificato come PADI Advanced Open Water Diver tre mesi prima dell'incidente mortale. 

Era alla prima immersione della giornata il 24 luglio 2016, in un corso organizzato da Dive Northampton. Era accompagnato da Craig con il PADI Dive Master Karol Tokarczyk come subacqueo di sicurezza. Non è stata avanzata alcuna accusa penale contro Tokarczyk.

“Significativamente inferiore”

House ha detto che quando Stansfield raggiunse la profondità massima di 30 metri, la quantità di aria rimasta nella sua bombola era “significativamente inferiore” a quella che avrebbe dovuto essere a causa del numero di volte in cui aveva dovuto fermarsi per pareggiare.

I subacquei avevano completato un "esercizio subacqueo" prima di risalire, ma a circa 18 metri Stansfield aveva dato un segnale di mancanza d'aria e, secondo House, aveva iniziato a farsi prendere dal panico.

Tokarczyk aveva passato a Stansfield un erogatore in modo che potesse respirare dalla sua bombola di riserva, ma a 12 metri Stansfield aveva nuovamente indicato di essere senza aria e incapace di respirare. A questo punto Craig aveva passato allo studente il suo erogatore ed era passato alla seconda bombola.

La sosta di sicurezza di 5 metri faceva parte del piano di immersione, ma House spiegò che sarebbe stato possibile saltarla in circostanze in cui era più importante raggiungere rapidamente la superficie.

Durante la sosta, Stansfield aveva indicato due volte che stava lottando per respirare, e nel primo minuto aveva cercato di emergere tirandosi su una boa, ma Craig lo aveva tirato giù, si presumeva.

"Avrebbe dovuto essere ovvio per Craig che il signor Stansfield era in grave difficoltà", ha detto House, aggiungendo che le pupille dello studente erano dilatate e che il suo regolatore gli è scivolato dalla bocca due volte mentre perdeva conoscenza. Nonostante questi segnali, ha detto che Craig aveva aspettato tutti i tre minuti prima di portare Stansfield in superficie, dove tutti i tentativi di rianimarlo sono falliti.

“Assolutamente inspiegabile”

House ha detto che gli esperti avevano descritto le azioni di Craig come “del tutto inspiegabili” e che la sua condotta era caduta “molto al di sotto dello standard di un istruttore subacqueo altrettanto qualificato ed esperto”.

Tuttavia, Craig ha negato di aver tenuto fermo Stansfield, affermando di averlo preso solo brevemente per ricordargli lo stop. "Se avesse voluto scappare in superficie non sarei stato in grado di fermarlo a causa delle sue dimensioni", ha detto.

House ha sostenuto che la decisione dell’imputato potrebbe essere nata da un “malinteso fondamentale” sulla necessità di una sosta di sicurezza e dalla sua incapacità di apprezzare la gravità della situazione quando “i sintomi erano lì per essere visti”.

"Nessuno sta suggerendo per un momento che Nigel Craig volesse che accadesse qualcosa del genere, al contrario", ha detto House alla giuria. "Quando una persona si impegna in un'attività, il che significa che ha assunto il dovere di prendersi cura di un altro essere umano, il peso che grava su di lei è elevato."

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x