Come si rilassano gli squali – facendo “surf”

Squali grigi del reef a Fakarava (Foto: Valerie Hukalo)
Squali grigi del reef a Fakarava (Foto: Valerie Hukalo)

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Non tutte le specie di squali hanno bisogno di continuare a nuotare per respirare: alcuni usano i muscoli buccali per pompare acqua sulle branchie per estrarre l'ossigeno. 

Ma altri, come i grandi squali bianchi e grigi del reef, non hanno questi muscoli, quindi respirano usando la “ventilazione forzata”, che richiede un movimento perpetuo. La questione di come riescano a riposare è stata a lungo un mistero.

Ora gli scienziati che osservano gli squali nella Polinesia francese hanno scoperto che sono in grado di fare un pisolino quando richiesto, “facendo surf sul pendio”.

La scoperta è stata fatta da un team internazionale guidato dallo scienziato marino Yannis Papatamatiou dell'Institute of Environment della Florida International University.

Immergendosi per studiare i circa 500 squali grigi del reef nel canale meridionale del celebre sito di immersione dell'atollo di Fakarava, Papatamatiou ha scoperto che gli squali usavano il canale per cacciare di notte, ma rimanevano lì durante il giorno per galleggiare sulle correnti ascensionali della corrente.

In questo modo riuscivano a resistere al flusso ma a beneficiare dell'ossigeno che trasportava muovendo appena la coda. "Durante il giorno sono piuttosto tranquilli e rilassati e nuotano con il minimo sforzo", ha detto. "È interessante, perché è una corrente piuttosto forte."

Si rese conto anche che gli squali avevano sviluppato un sistema di navetta, in base al quale uno raggiungeva la fine del canale prima di consentire alla corrente di riportarlo al punto di partenza, mentre un altro squalo prendeva il suo posto e ripeteva il processo.

Combinando le loro osservazioni subacquee con l'uso di tag di tracciamento acustico e telecamere trasportate dagli squali, gli scienziati hanno confrontato l'energia spesa dagli squali mentre navigavano nel canale con quella che ne usciva. Hanno scoperto che il comportamento di navigazione ha permesso loro di risparmiare almeno il 15% dello sforzo che altrimenti avrebbero impiegato.

Papatamatiou e Gil Iosilevskii del Technion-Israel Institute of Technology hanno quindi utilizzato i dati del sonar multiraggio e della direzione delle maree per creare un modello di dove potrebbero apparire le correnti ascensionali. Lungo il canale sono stati posizionati dei ricevitori per tracciare gli squali, con 40 animali etichettati per registrarne l'attività e la profondità.

I dati hanno confermato che gli squali rimanevano nelle zone di corrente ascensionale del canale durante il giorno e variavano la loro profondità per un risparmio energetico ottimale. Durante le maree entranti con forti correnti ascensionali andavano più in profondità dove la corrente era più debole, mentre durante le maree uscenti con più turbolenze godevano di una navigazione più fluida più vicino alla superficie.

"In definitiva, il paesaggio marino energetico aiuta a spiegare perché questi animali si trovano in questo canale durante il giorno, ha detto Papastamatiou. “Ora abbiamo una risposta.”

I risultati del team potrebbero spiegare perché un gran numero di squali si riuniscono e rimangono in alcune altre parti del mondo – sono stati pubblicati sul Journal of Animal Ecology

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x