Come i PCB stanno uccidendo le orche

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Come i PCB stanno uccidendo le orche

Orche X

Per i subacquei, l'avvistamento di un'orca è tra le esperienze più apprezzate, ma le possibilità di incontro in alcune parti del mondo stanno diventando sempre più remote.

Sebbene le orche assassine (Orcinus orca) si trovano ancora in tutti gli oceani del mondo, gli scienziati hanno appena lanciato un avvertimento che il loro numero potrebbe dimezzarsi nei prossimi decenni, principalmente a causa dell’inquinamento chimico da PCB.

28 settembre 2018

La loro ricerca ha scoperto che il numero delle orche era già diminuito rapidamente in 10 delle 19 popolazioni studiate e potrebbe scomparire del tutto entro 30-40 anni. Tra le acque più contaminate c’erano quelle intorno alle isole britanniche, dove si pensava fossero rimaste non più di 10 orche.

Il Brasile, lo Stretto di Gibilterra e il Pacifico nord-orientale sono tra le altre aree in cui le popolazioni si sono quasi dimezzate da quando sono stati introdotti i PCB, dove le orche appena nate sono state osservate raramente. Tuttavia, meno gravemente colpiti sono stati i mari intorno alle Isole Faroe, Islanda, Norvegia, Alaska e Antartide, dove si prevede che le popolazioni continueranno a crescere nel prossimo secolo.

A partire dagli anni '1930 furono prodotte più di un milione di tonnellate di PCB (policlorobifenili) da utilizzare nei componenti elettrici e nella plastica. Le sostanze chimiche sono state bandite in diversi paesi a partire dagli anni ’1970 e la Convenzione di Stoccolma del 2004 ha visto più di 90 nazioni impegnarsi a eliminarle gradualmente e a smaltirle.

Le sostanze chimiche si decompongono solo lentamente una volta nelle acque oceaniche e le attuali elevate concentrazioni rappresentano una minaccia letale per le orche a causa della posizione dei mammiferi in cima alla catena alimentare. La contaminazione da PCB viene trasmessa dalle orche femmine ai loro piccoli attraverso il latte.

Le popolazioni di orche che si nutrono di prede più grandi come foche, tonni e squali corrono un rischio molto maggiore di PCB rispetto a quelle che si nutrono principalmente di pesci più piccoli come aringhe e sgombri.

Gli scienziati hanno raccolto i dati di tutte le ricerche precedenti con i loro risultati recenti per analizzare i livelli di PCB in più di 350 orche in tutto il mondo, il numero più grande mai studiato.

Hanno misurato livelli di PCB fino a 1300 mg per kg nel grasso di alcune orche e affermano che anche gli animali con il 4% di tale quantità nei loro tessuti potrebbero mostrare segni di infertilità e danni al sistema immunitario, le principali minacce derivanti dai PCB.

La pesca eccessiva e l’inquinamento acustico sono stati ulteriori fattori nel declino della popolazione di orche.

Allo studio hanno collaborato scienziati di 11 organizzazioni provenienti da Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Groenlandia, Islanda e Danimarca.

“Sappiamo che i PCB deformano gli organi riproduttivi di animali come gli orsi polari. È stato quindi naturale esaminare l’impatto dei PCB sulle scarse popolazioni di orche assassine in tutto il mondo”, ha affermato il coautore e iniziatore dello studio, Prof. Rune Dietz del Dipartimento di Bioscienze e Centro di ricerca artica dell’Università di Aarhus.

Il gruppo ha ha chiesto l'urgente introduzione di ulteriori iniziative sull'inquinamento da PCB oltre a quelle della Convenzione di Stoccolma.

Il suo studio è pubblicato sulla rivista Science.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x