Come i grandi bianchi potrebbero salvare vite umane

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Come i grandi bianchi potrebbero salvare vite umane

Squalo bianco Byron Dilkes X 2

Immagine: Byron Dilkes.

Il set completo del DNA, o genoma, del grande squalo bianco è stato decodificato da un team scientifico e credono che le loro scoperte potrebbero avere importanti implicazioni nella ricerca di una cura per il cancro e di una guarigione più efficace delle ferite negli esseri umani.

Il genoma dello squalo bianco, che è risultato essere il 150% più grande di quello umano, ha rivelato molti adattamenti genetici che potrebbero spiegare il successo evolutivo degli squali di grande corporatura e longevi.

19 Febbraio 2019

La ricerca è stata condotta da scienziati statunitensi del Save Our Seas Foundation Shark Research Center della Nova Southeastern University in Florida, del Guy Harvey Research Institute (GHRI), del College of Veterinary Medicine della Cornell University e del Monterey Bay Aquarium, e ha coinvolto anche una serie di organismi scientifici internazionali .

Confrontando il genoma decodificato con quello di altri vertebrati, compresi gli squali balena e gli esseri umani, i ricercatori hanno scoperto “eventi sorprendenti” di specifici cambiamenti nella sequenza del DNA legati al mantenimento dei meccanismi di difesa genetica che contrastano l’accumulo di danni al DNA.

Questa “stabilità del genoma” era il risultato dell’adattamento di geni legati alla riparazione del DNA, alla risposta al danno e alla tolleranza al danno.

È noto che l’“instabilità del genoma”, il fenomeno opposto causato dal danno accumulato al DNA, predispone gli esseri umani al cancro e alle malattie legate all’età.

"Non solo c'era un numero sorprendentemente elevato di geni per la stabilità del genoma che contenevano questi cambiamenti adattativi, ma c'era anche un arricchimento di molti di questi geni, evidenziando l'importanza di questa messa a punto genetica nello squalo bianco", ha detto Mahmood Shivji, direttore dello Shark Research Center e del GHRI, che ha co-condotto lo studio con Michael Stanhope della Cornell.

Il fatto che gli squali bianchi condividano molti degli adattamenti chiave della stabilità del genoma precedentemente riscontrati negli squali balena è stato considerato significativo. Normalmente si prevede che gli organismi dal corpo più grande corrano un rischio maggiore di cancro semplicemente perché hanno più cellule, ma gli squali bianchi e gli squali balena sembrano aver sviluppato capacità protettive contro il cancro superiori.

“La decodifica del genoma dello squalo bianco sta fornendo alla scienza una nuova serie di chiavi per svelare i misteri persistenti su questi predatori temuti e incompresi – il motivo per cui gli squali hanno prosperato per circa 500 milioni di anni, più a lungo di quasi tutti i vertebrati sulla Terra”, ha affermato il dottor Salvador Jorgensen. Acquario della baia di Monterey.

Il genoma decodificato ha rivelato anche altri interessanti adattamenti evolutivi.

"Abbiamo trovato una selezione positiva e un arricchimento del contenuto genetico che coinvolge diversi geni legati ad alcuni dei percorsi più fondamentali nella guarigione delle ferite, incluso un gene chiave per la coagulazione del sangue", ha detto Stanhope, aggiungendo che gli adattamenti "potrebbero essere alla base della decantata abilità degli squali". per guarire efficacemente anche ferite di grandi dimensioni”.

“L’instabilità del genoma è molto importante problema in molte gravi malattie umane; ora scopriamo che la natura ha sviluppato strategie intelligenti per mantenere la stabilità dei genomi in questi squali di grande corporatura e longevi”, ha affermato Shivji.

“C’è ancora molto da imparare da queste meraviglie evolutive, comprese informazioni che saranno potenzialmente utili per combattere il cancro e le malattie legate all’età e migliorare i trattamenti di guarigione delle ferite negli esseri umani, mentre scopriamo come lo fanno questi animali”.

Lo studio, che dovrebbe contribuire anche alla conservazione dei grandi squali bianchi e affini, è pubblicato in Proceedings of the National Academy of Sciences of the USA.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x