Gli squali attaccano man mano che gli squali diventano scarsi

Squali del Mar Rosso Pinna bianca oceanica
Squali del Mar Rosso Pinna bianca oceanica

Il numero minuscolo di attacchi di squali avvenuti in tutto il mondo è diminuito per il quarto anno consecutivo, forse perché le possibilità di incontrare uno squalo stanno diventando sempre più remote.

Ogni attacco di squalo attira pubblicità in tutto il mondo, ma le statistiche mostrano che è molto più probabile essere uccisi da una noce di cocco che cade che da uno squalo. I subacquei tendono ad essere molto desiderosi di incontrare gli squali, ma il calo del numero di attacchi potrebbe segnalare che gli incontri con gli squali stanno diventando sempre più scarsi poiché molte popolazioni di squali vengono pescate fino quasi all’estinzione.

Attacchi non provocati di squali si stavano verificando in tutto il mondo
79 nel 2000,
68 nel 2001,
63 nel 2002, e scese a
55 in 2003.

Gli attacchi di squali con conseguente morte rappresentano una piccola percentuale di questi attacchi: 11 morti nel 2000, 4 nel 2001, 3 nel 2002 e 4 nel 2003.

Considerando i molti milioni di persone che entrano in mare nel corso di un anno, queste cifre sono minuscole. Le statistiche dell’Australia – un paese ampiamente associato al pericolo di attacchi di squali – mostrano che le persone che si trovano in acqua hanno molte più probabilità di morire per annegamento; ogni anno annegano in media 300 persone, mentre altre 11,500 devono essere soccorse. Gli squali rappresentano una media di una morte all’anno in Australia.

La Florida, negli Stati Uniti, registra regolarmente il maggior numero di attacchi di squali al mondo, anche se pochissimi si rivelano fatali. La Florida si trova sul lato orientale del Golfo del Messico e un recente rapporto sul numero di squali oceanici pinna bianca nel Golfo del Messico ha concluso che il loro numero si è ridotto del 99% dagli anni '1950.

Il rapporto è stato prodotto dai professori Julia K Baum e Ransom A Myers e finanziato dal Pew Fellows Program in Marine Conservation dell'Università di Miami

I pinna bianca oceanici erano uno degli squali tropicali più comuni, ma secondo Baum e Myers il loro numero è stato decimato dalla pesca. Lo studio ha anche scoperto che il numero degli squali seta è diminuito del 90% e quello degli squali mako del 79%.

Myers ha anche fatto notizia lo scorso maggio con un rapporto sul declino mondiale dei grandi pesci predatori, compresi gli squali.

Un portavoce della Blue Water Fishermen's Association ha messo in dubbio i metodi degli scienziati e ha respinto il rapporto definendolo "speculazione casuale", mentre uno specialista in gestione della pesca presso il National Marine Fisheries Service ha criticato il rapporto definendolo fuorviante.

Ma mentre i funzionari discutono sull’esatto grado di declino della popolazione degli squali, nessuno contesta il fatto che ci siano meno squali in giro. E questo significa meno squali con cui immergersi.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x