Hai spezzato un drago marino?

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I draghi marini sono tra le prede più apprezzate dai fotografi subacquei, ma tu o i tuoi amici vi siete immersi nell'Australia meridionale e avete avuto la fortuna di catturare immagini di queste creature spettacolari ma misteriose? 

SeadragonSearch è una nuova iniziativa scientifica guidata dalla comunità dedicata alla raccolta di tali fotografie da qualsiasi subacqueo che desidera sottoporle per l'analisi. Utilizza l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico per aiutare ad abbinare le immagini, utilizzando i modelli unici sul viso o sul corpo di ciascun drago marino.

Leggi anche: Informazioni sui draghi marini frondosi

Man mano che gli avvistamenti di individui si ripetono, l’intenzione è quella di tracciare l’iconico pesce attraverso il tempo e lo spazio. Ciò dovrebbe fornire dati sulla durata della loro vita e su altre caratteristiche, per migliorare le stime della popolazione su cui si basano le azioni di conservazione e gestione.

The initiative has been launched by the Perth-based Western Australian Museum (WAM) and Scripps Institution of Oceanography at the University of California San Diego in the USA. They are working with non-profit organisation Wild Me, a US software developer that uses AI tools to collect and analyse data from threatened wildlife populations.

Esistono tre specie conosciute di drago di mare: il drago di mare comune o erboso, quello frondoso e il drago di mare rubino scoperto di recente. Presenti solo nei mari australiani, appartengono alla stessa famiglia dei cavallucci marini e dei pesci ago.

Se non hai scattato nessuna immagine del drago di mare e non prevedi di recarti in Australia nel prossimo futuro a causa delle restrizioni sul coronavirus, tieni presente che il progetto durerà per i prossimi 10 anni.

E non preoccuparti se hai delle foto, ma le hai scattate qualche tempo fa. “Le vecchie foto saranno fantastiche – siamo molto interessati a tornare indietro nel tempo”, ha detto Flora Perrella della WAM Divernet. "Forse non tanto prima degli anni 2000, a meno che i lettori non abbiano molto da un'area, ma pensiamo che andrà bene comunque."

“I draghi marini vivono in habitat algali poco profondi, che sono particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici”, ha affermato il dottor Greg Rouse di Scripps, co-leader del progetto SeadragonSearch. “Al momento sappiamo poco della storia della vita di questi pesci unici. Sospettiamo che non si spostino molto al di fuori dei piccoli territori domestici, ma abbiamo bisogno dell’aiuto della comunità per raccogliere maggiori informazioni in modo da poter pianificare adeguatamente la loro conservazione”.

La perdita di habitat è motivo di preoccupazione perché i draghi marini hanno una mobilità limitata e una bassa diversità genetica.

"Senza ulteriori informazioni, non possiamo stimare con precisione quanto seriamente i draghi marini siano minacciati dagli impatti umani", ha affermato la co-leader Dr Nerida Wilson, della WAM.

“Il potere delle persone è fondamentale per mantenere focalizzati gli sforzi di conservazione, e siamo fortunati che i draghi marini abbiano alle spalle una comunità di sostegno così forte. I draghi marini spesso vivono in aree ad elevata biodiversità, quindi aiutarli aiuta anche altre forme di vita marina”.

Per saperne di più qui.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x