Rivelata la voglia di viaggiare del carangide gigante

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Rivelata la voglia di viaggiare del carangide gigante

trevally

Il dottor Ryan Daly rilascia un carangide gigante etichettato. (Foto: Clare Keating / SOSF)

Il carangide gigante delle Seychelles ha attirato l'attenzione del pubblico quando è stato trasmesso in televisione mentre attaccava gli uccelli marini in Blue Planet II, ma essendo una specie fondamentale nell'ecosistema marino ora ha bisogno di protezione, afferma la Save Our Seas Foundation. La SOSF ha appena prodotto uno studio che rivela che il pesce ha un areale più ampio di quanto precedentemente realizzato.

I pescatori di mare apprezzano i carangidi giganti, che possono crescere fino a 1.7 metri e pesare fino a 86 kg, e le Seychelles sono viste come il luogo privilegiato per catturare questi pesci, facendo temere la loro sostenibilità.

La SOSF, con sede a Ginevra, partecipa ad un'iniziativa per determinare quale 30% dei mari delle Seychelles dovrebbe costituire le 13 aree marine protette recentemente proposte dal governo.

Lo studio della fondazione, condotto dal Centro Ricerche D'Arros, indica che i vivai di carangidi giganti devono essere conservati per salvaguardare la prossima generazione e che le aree frequentate dai pesci adulti sono più ampie di quanto sospettato da studi precedenti in altre parti dei tropici. .

I singoli pesci sono stati etichettati acusticamente nel 2019 e monitorati nel gruppo Amirantes delle isole esterne delle Seychelles. I giovani rimasero vicino all'atollo di San Giuseppe, ma man mano che crescevano si estendevano sempre più ampiamente finché, da adulti, attraversarono l'intero banco degli Amirantes.

Gli adulti di grossa taglia occasionalmente percorrevano distanze anche più lunghe, probabilmente spinti dalla fame e perché le loro dimensioni li rendevano più sicuri.

Il Banco Amirantes, compreso l'Atollo di San Giuseppe, è stato designato come area protetta "Zona 2", nella quale dovrebbe essere vietata la pesca da parte di navi straniere.

La SOSF ora raccomanda che tutta la pesca di carangidi giganti diversa da quella possibilmente catch-and-release venga vietata in quest'area e che ulteriori misure di protezione dovrebbero essere prese in considerazione per l'area più ampia. Il suo studio è pubblicato nella serie Marine Ecology Progress.

17 Aprile 2021

Nel frattempo la SOSF offre sovvenzioni a scienziati, ambientalisti ed educatori che si sono laureati negli ultimi cinque anni e hanno piani per progetti innovativi di ricerca ed educazione sulla protezione degli squali e delle razze nel 2022. Afferma di aver sostenuto quasi 400 progetti di questo tipo in più di 80 paesi per data.

Il suo programma “Small Grants” è dedicato al sostegno di progetti da 12 a 18 mesi e le domande iniziali sono ora aperte fino al 30 giugno 2021.

Trova i progetti precedenti qui ed compila il modulo qui.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x