La prima manta gigante a essere dichiarata in via di estinzione

Dottor Andrea Marshall, MMF.

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

La manta gigante è diventata la prima specie di mante ad essere elencata come in pericolo di estinzione. Il livello di minaccia a Mobula birostris è appena stata inclusa nella categoria Vulnerabile nella Lista Rossa IUCN delle specie minacciate.

L'elenco delle specie a rischio di estinzione, che comprende circa 16,000 specie, è riservato a quelle che causano gravi problemi di conservazione. Quasi un terzo degli squali e delle razze sono a rischio di estinzione.

Le mante sono ora pesantemente prese di mira per le loro branchie da utilizzare nella “medicina” asiatica, e la Marine Megafauna Foundation (MMF) afferma che questo commercio insostenibile sta avendo un impatto maggiore sulle mante giganti o oceaniche che su altre specie di mante.

“La manta gigante è un classico esempio di una specie che sta rapidamente soccombendo alle pressioni indotte dall’uomo”, ha commentato il co-fondatore di MMF, il dottor Andrea Marshall, che è stato il primo a identificare Manta birostris come specie separata e riconosciuta come tale nel 2009. È stata anche l'autrice principale della nuova valutazione della IUCN.

"Quando abbiamo valutato per la prima volta le mante nel 2003, semplicemente non c'erano abbastanza informazioni sulle specie per determinarne lo stato di conservazione e sono state elencate come "dati carenti"", afferma. “Ma in ciascuna delle valutazioni successive, il loro stato di conservazione è aumentato costantemente da Quasi minacciato a Vulnerabile e ora a In pericolo”.

L’inserimento nell’elenco di due importanti trattati internazionali sulla conservazione, CMS nel 2011 e CITES nel 2013, sembra aver ottenuto ben poco nell’arrestare il declino della specie.

Tardi per raggiungere la maturità sessuale, le razze danno alla luce solo un singolo figlio ogni pochi anni e fanno ben poco per proteggerli, quindi il loro tasso di riproduzione è troppo lento per ricostituire numeri esauriti. "Le mante semplicemente non possono sopportare tali pressioni sulle loro popolazioni", afferma il dottor Marshall.

L’unica debole speranza per le mante giganti sembra risiedere nel loro valore economico come creature viventi. "Le interazioni con le mante sono molto ricercate dai turisti che praticano immersioni e snorkeling in tutto il mondo e contribuiscono ogni anno con milioni di dollari alle economie del turismo, in particolare nei paesi in via di sviluppo", afferma la scienziata senior del MMF, la dott.ssa Stephanie Venables.

“In questo momento cruciale, riconoscere il loro valore economico può aiutare a incoraggiare la protezione di questa specie enigmatica e ora in via di estinzione”

"È un onore aver potuto studiare e descrivere questa specie", afferma Andrea Marshall. “Rendersi conto che la manta gigante è ora in pericolo di estinzione è una pillola difficile da digerire

“Siamo ancora impegnati a conoscere questa straordinaria creatura e abbiamo solo scalfito la superficie. C’è molto altro che dobbiamo capire, ma in questa fase abbiamo messo tutto da parte a favore della protezione delle ultime popolazioni rimaste di mante giganti in tutto il mondo”.

*****  THE WORLD’S FASTEST shark, the shortfin mako, has suffered a major conservation setback as the European Union and USA blocked proposals designed to protect the already endangered species.

I Mako sono pericolosamente sovrasfruttati soprattutto nel Nord Atlantico, con gli scienziati che sostengono che la popolazione potrebbe impiegare 50 anni per riprendersi anche se la pesca si fermasse oggi. Le navi europee provenienti da Spagna e Portogallo sono le principali responsabili, ma anche la pesca sportiva americana contribuisce al declino degli squali.

Il Regno Unito ha recentemente appoggiato una proposta canadese per vietare la pesca del mako, ma l’UE e gli Stati Uniti non hanno sostenuto la proposta.

“L’esaurimento del mako nel Nord Atlantico rimane una delle crisi più urgenti al mondo per la conservazione degli squali, eppure l’UE e gli USA mettono gli interessi di pesca a breve termine al di sopra di ogni altra cosa e hanno rovinato un’occasione d’oro per concordare un rimedio chiaro e semplice”, afferma il direttore della conservazione dello Shark Trust Ali Hood.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x