Le seppie giganti si presentano in forze

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Le seppie giganti si presentano in forze

Seppie X

Immagine: Maeve Plouffe.

Quest’anno sono tornate al loro luogo di riproduzione più seppie giganti australiane di quante se ne siano viste dal secolo scorso.

Le prime stime parlano di un quarto di milione di seppie, e molti subacquei sono attratti dall'idea di assistere all'aggregazione, lungo un tratto di cinque miglia di barriera rocciosa a Point Lowly nel Golfo di Spencer, a circa 12 miglia a est di Whyalla e quasi 250 miglia a nord-ovest della capitale del South Australia, Adelaide.

Australiani giganti (Apama seppia) sono le seppie più grandi del mondo, lunghe fino a mezzo metro e pesanti 10 kg. Sono soprannominate “rock star dell’oceano” perché, con una durata di vita di soli 12-18 mesi, vivono velocemente e muoiono giovani. 

Ciò rende critica la stagione riproduttiva di maggio-agosto, perché il numero di uova sopravvissute influisce sul numero di adulti che ritornano l'anno successivo per riprodursi.

Si pensa che le seppie siano attratte dalle rocce scure e dalle fessure di Point Lowly perché offrono alle loro uova protezione dalla luce solare.

Durante la stagione degli amori, i maschi delle seppie combinano il mimetismo con le rocce o le alghe marine, con spettacoli che cambiano colore e sparring, per attirare l'attenzione delle femmine che depongono 100-300 uova.

Una volta schiuse, le seppioline delle dimensioni di un pollice si muovono lungo il fondale marino nel Golfo di Spencer Superiore.

"Non c'è assolutamente niente di simile al mondo, è così affidabile vedere le seppie", afferma Tony Bramley, leader del tour di immersioni e snorkeling di Whyalla. "È sicuro, accessibile: gli abitanti del Sud Australia sono così fortunati ad avere una delle attrazioni marine più preziose a portata di mano."

 

25 Giugno 2020

Tuttavia, la stagione riproduttiva di quest'anno è stata segnata da polemiche sul governo statale che ha consentito la pesca delle seppie al di fuori di una zona di restrizione intorno a Port Lowly per la prima volta da quando i terreni sono stati protetti nel 2013.

È stata la pesca a causare per la prima volta un devastante calo del numero di seppie a partire dalla fine degli anni ’1990.

Carl Charter, co-fondatore dell'organizzazione benefica Experiencing Marine Sanctuaries, stima che il numero di seppie che visiteranno quest'area quest'anno potrebbe essere il doppio di quello presente nel 2019.

"È una notizia fantastica, sono stato lassù anch'io un paio di settimane fa e probabilmente erano il doppio dell'anno scorso: potevi entrare direttamente in acqua e vedere le seppie nelle acque basse", ha detto.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x