“La linea fantasma potrebbe fare il giro della Terra 18 volte”

Fantasma
Pescatori in Perù (CSIRO)

Sono familiari le storie impressionanti di ritrovamenti di attrezzature da pesca fantasma da parte di squadre di sub dedicate Divernet lettori, ma un nuovo rapporto australiano afferma per la prima volta di stabilire la portata di ciò che questi subacquei – e la minacciata vita marina – devono affrontare.

Leggi anche: Subacquei di Ghost Fishing UK in missione con la rete Shetland

Considerato l’esame più completo finora condotto sulla quantità di attrezzature da pesca abbandonate, perse o scartate a livello globale, i suoi autori stimano che l’1.8% di tutte le attrezzature da pesca commerciali vengono lasciate negli oceani ogni anno, rendendole una componente importante della plastica marina globale. inquinamento.

Allo stesso tempo, lo studio, condotto dalla Commonwealth Scientific & Industrial Research Organization (CSIRO) e dall’Università della Tasmania, riconosce che si stanno facendo alcuni progressi ed è stato in grado di rivedere al ribasso le stime dei futuri tassi di perdita.

Secondo i ricercatori, ogni anno si perde una quantità di lenza sufficiente per avvolgere la Terra 18 volte. Le perdite annuali consistono in circa 740,000 km di palangari principali e 15.5 milioni di km di linee secondarie, insieme a 13 miliardi di ami per palangari.

Le sconcertanti cifre annuali relative alle perdite legate alle reti fantasma comprendono 78,000 kmq di reti a circuizione e da posta e 215 kmq di reti a strascico, coprendo complessivamente un’area grande quanto l’Italia. E questo senza contare i 25 milioni di trappole e vasi persi ogni anno.

Ghost - Barca a strascico (CSIRO)
Barca da traino (CSIRO)

La ricerca si basa su dati sullo sforzo di pesca globale e su interviste a 450 pescatori provenienti da sette paesi: Stati Uniti, Marocco, Indonesia, Belize, Perù, Islanda e Nuova Zelanda. I ricercatori hanno studiato i cinque principali tipi di attrezzi da pesca, determinando la quantità di essi utilizzata e persa ogni anno, e le caratteristiche sia degli attrezzi che delle stesse barche da pesca che potrebbero influenzare le perdite.

I pescherecci più piccoli tendevano a perdere più attrezzature e, cosa forse non sorprendente, i pescatori con reti a strascico perdevano più reti rispetto a quelli che operavano a mezz’acqua.

I ricercatori affermano che i dati pubblicati in precedenza sulla quantità di attrezzature da pesca perse erano basati su revisioni della letteratura e non erano affidabili, inclusa la “stima obsoleta e mal citata di 640,000 tonnellate perse ogni anno”. Hanno presentato stime complessive “molto più basse” delle perdite future.

Queste nuove stime si basano su dati che “provengono direttamente dai pescatori stessi per aiutarci a comprendere le perdite degli attrezzi da pesca alla fonte”, afferma l'autore principale dello studio Kelsey Richardson. “Ci sono stati aumenti nello sforzo di pesca globale, così come miglioramenti nelle tecnologie di pesca, comprese migliori opportunità di marcare, tracciare e recuperare gli attrezzi da pesca. 

Inquinamento da attrezzi da pesca (Bo Eide/CSIRO)
Inquinamento da attrezzi da pesca (Bo Eide/CSIRO)

“Le nostre stime aggiornate aiutano a evidenziare dove devono concentrarsi gli sforzi per sostenere gli interventi di gestione della pesca e di gestione degli attrezzi per generare soluzioni mirate per ridurre la fine degli attrezzi da pesca nei nostri oceani”, afferma Richardson.

Gli interventi suggeriti potrebbero comportare il riacquisto da parte dei governi locali del tipo di attrezzature da pesca più vecchie che molto probabilmente andrebbero perse. Si potrebbero etichettare gli attrezzi e fornire strutture gratuite per incoraggiare lo smaltimento sicuro delle reti inutilizzabili. Tuttavia, non ci sarà alcuna diminuzione della necessità di servizi di subacquei volontari per ripulire le attrezzature fantasma esistenti.

Il CSIRO afferma che il documento di ricerca rientra nella sua “Ending Plastic Waste Mission”, che mira a ridurre dell’80% i rifiuti di plastica immessi nell’ambiente entro il 2030. È pubblicato su La scienza avanza

Anche su Divernet: Gli apneisti eliminano 44 tonnellate di reti fantasma, I subacquei liberano la megattera con rete fantasma, Risultato netto per Ghost Diving USA, I subacquei fantasma raccolgono reti e dati

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x