Il primo subacqueo di oltre 300 metri Keller muore a 88 anni

Keller si prepara per l'innovativa immersione dell'Atlantis nel dicembre 1962 (US Navy Experimental Diving Unit)
Keller si prepara per l'innovativa immersione dell'Atlantis nel dicembre 1962 (Marina degli Stati Uniti)

Hannes Keller, il primo uomo a sopravvivere ad una discesa di oltre 300 metri sul fondo del mare, è morto nella sua casa di Niederglatt, in Svizzera, all'età di 88 anni.

La morte del pioniere delle immersioni profonde è avvenuta appena due giorni prima dei 60 anni da quando ebbe luogo la famosa immersione con la campana Californiasull'Isola di Santa Catalina, il 3 dicembre 1962. La discesa non fu solo da record, ma rivoluzionaria nel senso di rendere pratica l'immersione profonda.

Keller è nato vicino a Zurigo il 20 settembre 1934, ma si è interessato all'idea delle immersioni subacquee solo all'età di 25 anni. A questo punto ha costruito il proprio respiratore subacqueo ma ha riferito che "funzionava malissimo".

Mentre studiava fisica, matematica e filosofia all'Università di Zurigo aveva incontrato il medico svizzero Albert Bühlmann, il cui lavoro per sviluppare miscele di gas per prevenire la malattia da decompressione (MDD) nei subacquei continua a vivere negli algoritmi utilizzati in tante immersioni odierne.computer.

I due scienziati hanno collaborato per esplorare una teoria secondo cui la narcosi da azoto potrebbe non essere causata dall'azoto. Nel 1959 Keller lo testò durante un'immersione a 122 metri nel Lago di Zurigo, respirando una miscela di nitrox al 95% mentre scendeva in un fusto di petrolio adattato e zavorrato con pietre. La riemersione dipendeva dal rilascio delle pietre con l'aiuto di un coltello e si è rivelata una lotta, ma è sopravvissuto all'esperienza.

Keller sul Lago Maggiore nel 1959 (US Navy)
Keller si imbarcò sul Lago Maggiore nel 1959 (US Navy)

Due anni dopo riuscì a effettuare una discesa in circuito aperto a 222 m nel ghiacciato Lago Maggiore. Lui e Bühlmann volevano dimostrare che le tabelle segrete per le immersioni avevano sviluppato utilizzando il Centro IBM computer potrebbe sostenere una tale discesa seguita da una riemergere sicura in non più di un'ora. 

Keller e il giornalista Ken MacLeish indossavano mute stagne e caschi integrali e respiravano dalle bombole di gas montate sul palco, iniziando e finendo con ossigeno al 100%. Utilizzando tre miscele da 9, 50 e 100 metri, hanno raggiunto il fondo in 7 minuti e 30 secondi e sono riemersi entro un'ora, come previsto, senza gravi effetti negativi. 

L'immersione dell'Atlantide

Il tentativo di superare la barriera di 1,000 m (300 piedi) nel 1962 faceva parte di un programma di esperimenti della US Navy Experimental Diving Unit sull'uso di miscele di gas nelle immersioni profonde. È stato effettuato utilizzando il Atlantis campana subacquea della nave appoggio Eureka, e il compagno di immersioni di Keller era il giornalista britannico Peter Small, co-fondatore del British Sub-Aqua Club e anche lui tritone rivista (predecessore di tuffatore ed Divernet). 

In fondo, a 311 m, Keller e Small passarono dal gas nella campana a una miscela fornita ai loro caschi e uscirono per piantare bandiere sul fondo del mare, anche se Small si trovò in brevi difficoltà a causa dell'impigliamento.

Tornati nella campana e ritornati alla sua miscela, i subacquei si aspettavano di perdere conoscenza aprendo i loro frontalini ma poi di riprendersi quando la campana risaliva. Tuttavia, sembrava che dopo che Small avesse visto Keller svenire, si fosse bloccato e non fosse riuscito a tornare dalla scorta di casco. 

La risalita della campana è stata interrotta dalla superficie a 60 metri a causa di una sospetta perdita, e i sommozzatori di sicurezza Dick Anderson e lo studente britannico diciannovenne Chris Whittaker sono scesi per controllare. Incapaci di individuare il problema, la coppia è risalita prima di ridiscendere, anche se Whittaker sapeva che il suo dispositivo di gonfiaggio era danneggiato.

Scoprendo che la punta di una pinna intrappolata nel portello inferiore della campana impediva una corretta tenuta, Anderson decise di restare con la campana. Mandò il suo amico a fare rapporto in superficie ma Whittaker non fu mai più visto. Keller riprese conoscenza e tentò, ma non riuscì a rianimare Small. La campana è stata suonata e il tuffatore svizzero non ha riportato conseguenze negative.

L'immersione carica di rischi si era rivelata tragica ma anche fondamentale per i subacquei tecnici del futuro in termini di gestione delle immersioni profonde. Il record di profondità di Keller è durato 13 anni, anche se in seguito al Atlantis in alcuni articoli della stampa venne soprannominato “Hannes Killer”. 

È stato anche criticato per aver condiviso i segreti della miscela di gas con lo sponsor Shell Oil ma non con la più ampia comunità scientifica, anche se la critica sembra essere stata ingiustificata perché Buhlmann aveva infatti pubblicato i dettagli tecnici. 

uomo rinascimentale

Hannes Keller (Esther Keller)
Hannes Keller (Esther Keller)

Keller continuò a lavorare allo sviluppo di camere iperbariche per marine e ospedali e produsse anche tute da immersione e orologi. Sempre più imprenditoriale, fu il nascente settore IT ad attirare la sua attenzione negli anni '1970.

Verso la metà del decennio vendeva la sua linea di prodotti Sesame computere in seguito sviluppò alcuni dei primi software di controllo ortografico e di traduzione linguistica. Ha anche creato un mostro marino meccanico chiamato Urnie, con sede nell'Urnersee in Svizzera.

Keller è entrato a far parte del comitato consultivo della Historical Diving Society USA nel 2009. Anche in pensione ha continuato a mostrare le sue credenziali di uomo del Rinascimento, diventando sia un raffinato artista che un pianista. Per un certo periodo diresse anche il Visipix online arte e foto Museo.

"Voglio avere una vita interessante, questo è quello che voglio”, ha detto una volta Keller alla moglie del subacqueo Dick Anderson, Hillary Hauser. “Sono l'uomo che cerca il giusto mix di tutte le cose per entrare nel profondo della vita... quindi alla fine posso dire che ne è valsa la pena. " 

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Hesham Tawakol
Hesham Tawakol
1 anno fa

RIP

Don il tuffatore
Don il tuffatore
1 anno fa

È un nome che purtroppo è scomparso dalla mia memoria. È stato senza dubbio una delle icone principali degli albori della subacquea. I tempi dei distributori a domanda a doppio tubo, della creazione di mute umide, torce subacquee, ecc. hanno portato al progresso delle attrezzature. Forse la parte più importante del kit oggi è il computer subacqueo. Un sistema che ha sviluppato tanti anni fa.

Noi subacquei gli dobbiamo molto per la sua eccezionale ricerca e lo sviluppo delle attrezzature nel corso degli anni.

Che riposi in pace.

SEGUICI SU

2
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x