I cineasti sono stati ripuliti dal relitto dissacrante

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I cineasti sono stati ripuliti dal relitto dissacrante

Henrik

Henrik Evertsson

Possono i cineasti subacquei profanare un relitto semplicemente catturandone le immagini? 

Una decisione legale dell’8 febbraio avrebbe potuto rispondere a questa domanda, ma lo ha fatto per motivi tecnici. Un tribunale svedese ha assolto due uomini accusati di aver violato la santità del tempio Estonia traghetto, affondato nel Baltico 27 ​​anni fa nel peggiore disastro marittimo in Europa in tempo di pace.

La nave affondò in meno di un'ora durante una navigazione di routine da Tallinn in Estonia a Stoccolma il 28 settembre 1994. Solo 137 dei quasi 1000 passeggeri e membri dell'equipaggio sopravvissero.

Nel settembre 2019 svedese fotoIl giornalista e regista Henrik Evertsson e l'analista di acque profonde Linus Andersson hanno inviato un ROV per catturare le immagini del relitto profondo 80 metri. Girato per una serie di documentari in cinque parti di Discovery Channel intitolata “Estonia – Una scoperta che cambia tutto”, le drammatiche riprese subacquee hanno rivelato un foro di 4 x 1.2 m sul lato di dritta dello scafo della nave.

Gli esperti hanno concluso che la causa è stata probabilmente l'impatto con un oggetto del peso di 1000-5000 tonnellate che viaggiava a 2-4 nodi.

Ciò mette in dubbio il verdetto ufficiale secondo cui il sistema di chiusura del EstoniaLa porta di prua era difettosa, provocando l'allagamento del ponte auto e il ribaltamento del traghetto.

Gli attivisti sostenevano da tempo che ciò non avrebbe causato un affondamento così rapido e che un forte rumore udito prima nella notte avrebbe potuto indicare un'esplosione o una collisione con una nave da guerra o un sottomarino. Il documentario riacceso chiede un riesame del relitto.

Svezia, Estonia e Finlandia avevano concordato nel 1995 di non recuperare il relitto e avevano dichiarato illegale, ai sensi della loro "Legge sull'Estonia", disturbare ciò che avevano designato come luogo di sepoltura.

I cineasti rischiavano una multa o una pena detentiva fino a due anni, ma sostenevano che le loro azioni erano protette dalla legislazione svedese sulla libertà di parola e di informazione.

12 Febbraio 2021

Il tribunale distrettuale di Göteborg ha negato che tale protezione fornisse “carta bianca” per commettere azioni criminali. Tuttavia, sebbene i due avessero violato la legge estone, la corte ha ritenuto che non potessero essere ritenuti responsabili perché si trovavano a bordo di una nave battente bandiera tedesca in acque internazionali.

La Germania non ha sottoscritto la legge sull’Estonia, quindi applicarla in questo caso violerebbe il diritto marittimo internazionale, ha affermato la corte. Il pubblico ministero svedese deve ancora decidere se presentare ricorso contro la sentenza.

La Svezia e la Finlandia hanno recentemente revocato i divieti di immergersi sul relitto e, in un altro sviluppo di questa settimana, il governo estone ha accettato di stanziare 3 milioni di euro per una nuova indagine subacquea che sarà condotta dal suo Safety Investigation Bureau.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x