Donne assassine contro la balenottera azzurra – una prima mondiale

Orca contro blu
Un’orca si lancia nella bocca della balenottera azzurra. CREDITO: John Daw / Australian Wildlife Journeys

La prima uccisione da parte di orche di uno degli animali più grandi del mondo, una balenottera azzurra adulta, è stata segnalata nell'Australia occidentale, e da allora sono stati confermati altri due attacchi mortali effettuati da orche assassine contro le balenottere azzurre. 

L’incidente iniziale, alla fine di marzo 2019, è stato osservato durante un’indagine annuale di ricerca su balene e delfini condotta dal Centro di ricerca sui cetacei (CETREC WA) e dal Progetto ORCA. 

Leggi anche: Perché le orche attaccano le barche? Domande e risposte degli esperti

Solo due settimane dopo un cucciolo di balenottera azzurra è stato ucciso dalle orche nella stessa zona, tra cui molti degli stessi individui, e nel 2021 un destino simile è toccato a un giovane, i due incidenti testimoniati dalle compagnie di charter turistico. I tre omicidi sono stati ora dettagliati in uno studio pubblicato sulla rivista Scienza dei mammiferi marini.

Orche o orche (Orcinus orca) sono predatori all'apice noti per attaccare le balene così come altre prede preferite come calamari e pesci, ma erano stati registrati solo mentre uccidevano e si nutrivano di vitelli o piccoli di balena di un anno, in particolare grigi, megattere e balene minori. 

Erano stati documentati mentre molestavano le balene blu (Balaenoptera muscolare) prima, ma non si sapeva che li uccidessero.

Nel primo incidente, durato circa sei ore, un branco di circa 14 orche guidate da femmine ha attaccato la balenottera azzurra adulta sulla superficie di acque profonde 70 metri.

"Non conoscevamo prima questa balenottera azzurra e non possiamo dire esattamente quanto fosse sana, anche se l'abbiamo osservata mentre difendeva in modo energico e prolungato contro l'attacco, quindi fino a un certo punto non sembrava debole o malata," Lo ha detto il ricercatore capo del CETREC, John Totterdell Divernet.

La strategia delle orche era quella di stremare e immobilizzare la balenottera azzurra, includendo anche il morso della sua dorsale pinna all'inizio dell'assalto.

“Co-ordinated attack by several killer whales resulted in some females ramming the side of the whale while others attacked the head,” said Totterdell. “Close to the end, a female animal lunged headfirst into the blue’s mouth, presumably to feed on the tongue.

“La balena si è indebolita ulteriormente e non abbiamo più visto la carcassa. Dopo che la carcassa della balena affondò, circa 50 orche assassine erano nella zona banchettando e condividendo la carne della balena”.

"Le femmine sono quasi sempre responsabili degli attacchi durante la caccia e il foraggiamento, ad esempio contro prede più piccole come balene dal becco e vitelli megattere, di cui abbiamo documentato molte dozzine di eventi di predazione", ha detto Totterdell. 

“I gruppi familiari delle orche assassine sono matriarcali: i maschi grandi e dall’aspetto duro vengono ‘accuditi’ dalle loro madri per gran parte della loro vita. E come ha detto una volta un collega: anche se vagano per accoppiarsi con altre famiglie, come i figli italiani tornano sempre dalla mamma!”

Negli altri due attacchi osservati erano attivi sia le orche maschi che le femmine, e nel terzo attacco ai giovani sono stati coinvolti anche i piccoli di orca. Almeno 16 delle stesse orche hanno partecipato a tutti e tre gli attacchi.

Orca contro blu
La ferita alla schiena della balenottera azzurra è visibile. CREDITO: CETREC WA / Progetto Orca
Orca contro blu
La coda della balena colpita. CREDITO: John Totterdell /CETREC WA
Orca contro blu
Verso la fine dell'attacco. CREDITO: CETREC WA / Progetto Orca

Berte, albatros e procellarie delle tempeste in immersione si sono aggiunti alle scene caotiche, e verso la fine degli attacchi successivi sono comparsi anche gruppi di oltre 100 globicefali con pinne lunghe. 

Una popolazione dell'Australia sudoccidentale scoperta di recente, composta da oltre 140 orche, viene spesso avvistata durante l'estate australe al largo della piattaforma continentale del sottobacino di Bremer, dove hanno avuto luogo gli attacchi, e potrebbe essere presente tutto l'anno.

"Questi ragazzi sono feroci, con una preferenza per i calamari, i pesci e le balene dal becco", ha detto Totterdell. “Negli ultimi anni le registrazioni del numero di balene dal becco catturate sono aumentate; in questa regione predano anche la megattera e la minke minore.

"Si suggerisce che la predazione delle orche abbia impedito il recupero della popolazione di balene grigie nel Pacifico nord-occidentale, ma in Australia, dove molte specie di balene sono note per essere prese di mira dalle orche, l'impatto della loro predazione su queste popolazioni rimane sconosciuto. È possibile che le balene blu siano state a lungo una fonte di cibo per le orche assassine, fin dai tempi pre-commerciali della caccia alle balene”.

Alla domanda se la predazione delle orche potrebbe impedire il recupero delle balenottere azzurre dai tempi della caccia commerciale alle balene, ha detto Bob Pittman, membro del gruppo di studio della Oregon State University. Divernet: “Sappiamo che quasi tutte le popolazioni di balenottera azzurra si stanno riprendendo, anche se alcune molto più lentamente di altre. 

“Nel nostro articolo suggeriamo che quando la balenottera azzurra e altre grandi balenottere furono quasi sterminate dalla caccia commerciale nel corso dell’ultimo secolo, tutte le orche che predavano quelle popolazioni potrebbero essersi estinte o aver dovuto trovare altre prede, e le competenze necessarie per anche le prede delle grandi balene potrebbero essersi estinte. 

“Con la ripresa delle popolazioni di balenottere azzurre, le orche potrebbero riscoprire una fonte di prede scomparsa da 50-100 anni”.

"Questo studio, combinato con la nostra recente ricerca, evidenzia la necessità di una maggiore comprensione dell'ecologia della popolazione delle orche assassine, in modo da poter determinare meglio il loro impatto sull'ecosistema marino nelle acque australiane", ha affermato Totterdell, che è anche un appassionato subacqueo. Immergersi con le orche è tuttavia illegale in Australia. Video dell'attacco dell'orca può essere visto qui.

Orca contro blu
Il team del CETREC, incluso John Totterdell (indietro a destra). CREDITO: CETREC WA

Le orche hanno liberato la megattera?

In un incontro più tranquillo il mese scorso (10 gennaio), un branco di orche nella baia di Bremer è stato registrato mentre liberava una megattera adulta da una corda impigliata attorno alla sua coda. 

L'insolita interazione è stata colta video da un drone appartenente al tour operator Whale Watch Western Australia (WWWA). Gli osservatori si aspettavano che le orche convergenti attaccassero la balena vulnerabile afferrandole le pinne e tenendola abbassata per annegarla, ma non si è verificato alcun comportamento del genere.

La megattera era un esemplare malsano, visto in un momento in cui la specie normalmente si nutriva a sud dell'Antartide. Una grande orca maschio conosciuta come Blade è stata vista nuotare sotto la coda della balena e sembrava stesse esaminando la corda prima che arrivasse Queen, la matriarca del branco. 

In mezzo al trambusto gli osservatori hanno detto che "un grosso pezzo della corda verde che stava impigliando questa megattera galleggiava libero dietro di lui", ma non sono stati in grado di dire se Queen avesse deliberatamente o accidentalmente aiutato a districare la balena.

Le orche si raggrupparono e si allontanarono mentre la megattera nuotava nella direzione opposta, dove gli osservatori della WWWA potevano vederne le ferite e confermare che la maggior parte della lenza era scomparsa.

Hanno ipotizzato che se il salvataggio non fosse stato deliberato, le orche avrebbero potuto decidere che lo sforzo di caccia non sarebbe valso la pena a causa delle condizioni emaciate della balena. Oppure potrebbero aver già mangiato, o considerare le megattere semplicemente fuori stagione.

"Hanno invece trascorso una giornata turbolenta socializzando insieme e molestando i pesci luna", ha riferito WWWA.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x