La scoperta del corallo Elkhorn suscita speranze

Corallo Elkhorn
Corallo Elkhorn (NOAA)

I biologi marini della Florida sono riusciti a realizzare ciò che molti scienziati consideravano impossibile: riprodurre il corallo elkhorn in laboratorio. E credono che la svolta potrebbe essere la chiave per salvare le barriere coralline dei Caraibi minacciate.

Un tempo dominante nei Caraibi, insieme allo staghorn e ai coralli stellati, l'alce è in gran parte estinto da quando è stato colpito da una malattia negli anni '1980, ma si è sempre rivelato difficile da coltivare artificialmente. Ora diventa la quattordicesima specie di corallo ad essere riprodotta nel laboratorio Florida Aquarium's Center for Conservation a Tampa – ed è considerato il più significativo finora, secondo la CNN. 

La scienziata senior dei coralli Keri O'Neil stima che solo circa 300 coralli alce rimangano nel Florida Keys Reef Tract, parte dell'unica barriera corallina vivente degli Stati Uniti continentali, ma l'esperimento di deposizione delle uova da lei condotto ha ora prodotto migliaia di piccoli coralli alce. Si prevede che circa 100 di questi sopravvivano fino alla maturità, un processo che richiede 3-5 anni.

La ricercatrice di Elkhorn Keri O'Neill
La scienziata del corallo Keri O'Neill

L'Elkhorn tipicamente prospera a profondità inferiori a 6 metri, il che lo rende una componente vitale delle barriere coralline nonché un habitat importante per altra vita marina. È anche una delle specie di corallo a crescita più rapida, con rami che si estendono fino a 12 cm all'anno.

Elencata come minacciata dall'Endangered Species Act degli Stati Uniti nel 2006, la specie ha un basso tasso di riproduzione e quindi una diversità genetica, che la rende particolarmente suscettibile alle malattie. L’accelerazione del cambiamento climatico globale sta peggiorando la situazione. 

Descrivendo la svolta come “guadagnare tempo”, gli scienziati intendono ripiantare i coralli cresciuti in laboratorio nel Santuario marino nazionale delle Florida Keys entro i prossimi anni, ma affermano che sono urgentemente necessarie ulteriori ricerche.

Sperano che i coralli sviluppati in laboratorio e selezionati per il restauro possano essere più resistenti non solo alle temperature dell’acqua più calde, allo sbiancamento e alle malattie, ma anche più capaci di resistere alle intense pressioni delle onde. "C'è speranza per le barriere coralline", ha detto O'Neil alla CNN. “Non rinunciare alla speranza: non tutto è perduto.”

Gli esperimenti sono supportati dalla National Oceanic & Atmospheric Administration (NOAA) e dalla National Fish & Wildlife Foundation.

Anche su Divernet: 10 modi in cui la tecnologia sta salvando il corallo, I coltivatori di corallo rimodellano il futuro, The Simple Life,

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Amy
Amy
1 anno fa

Visitando la Repubblica Dominicana sul lato caraibico... ho fatto snorkeling appena al largo della costa e ho trovato questi attaccati alle ciambelle artificiali che piantano lì per creare una barriera per la costa. Le ciambelle di cemento hanno creato una bellissima linea di barriere coralline artificiali che pullulano di vita… Ho avvistato due teste di corallo Elkhorn nello spazio di 10 metri.

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x