L’Egitto estenderà la protezione della barriera corallina del Mar Rosso

(Renata Romeo/The Image Bank)
(Renata Romeo/The Image Bank)

Si dice che il governo egiziano si sia impegnato ad estendere la protezione ufficiale all’intera Grande Barriera Corallina del Mar Rosso. L’annuncio è stato fatto il 16 novembre – Giornata della Biodiversità – durante i colloqui sul clima della CoP2022 delle Nazioni Unite del 27 che il Paese ospita a Sharm el Sheikh.

Il nuotatore di resistenza e patrono degli oceani delle Nazioni Unite Lewis Pugh, che aveva condotto una campagna sul problema nuotando attraverso il Mar Rosso prima della conferenza, è stato il primo a dare la notizia. “Grande annuncio da parte del governo egiziano! 2,000 chilometri di barriere coralline del Mar Rosso saranno protetti in una nuova area marina protetta, l’AMP della Grande Barriera Corallina”, ha affermato. "Sono più che felice!"

Leggi anche: Immersioni su e tra i relitti del Mar Rosso

Prima della conferenza, la Grande Barriera Corallina egiziana era stata nominata l'ultimo “punto della speranza” e il primo nel Mar Rosso da Mission Blue, l'organizzazione benefica per la conservazione marina della Dott.ssa Sylvia Earle.

Grande barriera corallina in Egitto (Renata Romeo / The Image Bank)
(Renata Romeo/The Image Bank)

Solo circa la metà della Grande Barriera Corallina è attualmente coperta da AMP, ma i “campioni della speranza”, il dottor Mahmoud Hanafy della ONG egiziana Hurghada Environmental Protection & Conservation Association (HEPCA) e Richard Vevers dell’ente statunitense per la conservazione dell’Ocean Agency hanno dichiarato la loro speranza di vedere il governo egiziano impegnarsi a proteggere il resto della barriera corallina.

La GFR, lunga 2000 km, considerata un punto caldo della biodiversità globale, corre lungo la costa dei Golfi di Aqaba e Suez, la terraferma del Governatorato del Mar Rosso e comprende le barriere coralline che circondano circa 44 isole. Le aree protette precedentemente dichiarate erano Abu Gallum, Nabq e Ras Mohamed nel Golfo di Aqaba, le Isole del Nord, Wadi Gimal e Gabal Alba.

(Cinzia Osele Bismarck/The Image Bank)
(Cinzia Osele Bismarck/The Image Bank)

"Queste non sono barriere coralline ordinarie", ha detto il dottor Earle. “Sono state identificate come una delle barriere coralline più tolleranti al clima al mondo 50 barriere coralline e altri studi scientifici. In quanto tali, queste barriere coralline forniscono un vibrante simbolo di speranza non solo per salvare le barriere coralline ma per la biodiversità nel suo complesso”.

“Le barriere coralline sono in prima linea nella minaccia del triplo pianeta rappresentata dal cambiamento climatico, dalla perdita di biodiversità e dall’inquinamento”, ha affermato il dottor Hanafy. “In effetti, sono l’ecosistema più vulnerabile di tutti, il che è ironico dato che sono anche i più ricchi di biodiversità e preziosi di tutti.

“Abbiamo già perso il 50% delle barriere coralline e gli scienziati prevedono che perderemo il 70-90% delle barriere coralline rimanenti anche se riuscissimo a raggiungere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 1.5°C – se mai ce ne fosse bisogno”. per la speranza nella conservazione degli oceani, questo è tutto”.

Mission Blue ha ora dichiarato 147 Hope Spots, che coprono oltre 57 milioni di kmq di oceano.

Anche su Divernet: Sea Shepherd prende di mira i bracconieri di “Hope Spot” nell’area mediterranea, Altri supercoralli – Nel Mar Rosso, I supercoralli offrono un segnale di speranza

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x