Un modo semplice per fermare i “bagni di sangue” dei parchi eolici

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

Un modo semplice per fermare i “bagni di sangue” dei parchi eolici

CREDITO MJ Richardson

Immagine: MJ Richardson.

Un deputato ha ricevuto il sostegno di tutti i partiti dopo aver chiesto al governo del Regno Unito di fermare gli sviluppatori di progetti energetici offshore che danneggiano la fauna marina facendo esplodere qualsiasi ordigno inesploso che potrebbe trovarsi sulla loro strada.

Si stima che circa 100,000 bombe e mine sganciate durante la Seconda Guerra Mondiale siano rimaste nelle acque costiere del Regno Unito, e subacquei commerciali e droni le incontrano con crescente regolarità mentre esplorano il fondale marino per lo sviluppo di progetti di turbine eoliche e ondose.

La soluzione più semplice è tradizionalmente quella di far esplodere i dispositivi dove si trovano, un approccio noto come “smaltimento di alto livello”. Tuttavia, le onde d’urto derivanti da tali esplosioni sottomarine possono ferire o uccidere creature tra cui balene, delfini e focene in un raggio di 15 miglia, rilasciando allo stesso tempo residui chimici tossici.

I cetacei che non vengono uccisi sul colpo possono soffrire di lesioni, emorragie, malattie da decompressione e sordità che li rendono incapaci di comunicare o navigare.

Tali esplosioni marine sono state collegate a numerosi decessi. Quando 39 globicefali rimasero spiaggiati nel Kyle of Durness nel 2011 e 19 morirono, un rapporto del governo concluse che l’unico evento esterno con il potenziale per causare un tale spiaggiamento di massa era un’operazione di smaltimento di munizioni.

John Nicholson, deputato nazionale scozzese per Ochil e South Perthshire, ora vuole vedere tali esplosioni sostituite dalla tecnica meno dannosa della deflagrazione di basso ordine. Lo ha detto alla Camera dei Comuni durante un dibattito sul problema il 17 marzo che la sua chiamata era stata sollecitata dalle pressioni della personalità televisiva e attivista Joanna Lumley.

"In parole povere, questo sistema alternativo rende le bombe sicure senza farle esplodere", ha detto. “Permette a una piccola carica di penetrare nell’involucro della bomba senza farla esplodere. Ciò fa bruciare gli esplosivi e il dispositivo diventa sicuro.

Inventata all'inizio degli anni 2000, la deflagrazione di basso ordine è ora utilizzata dalla Royal Navy, dalle forze armate statunitensi e da altre 15 marine in tutto il mondo.

"Questo sistema riduce significativamente le emissioni e il rumore, riducendo così drasticamente il pericolo per la fauna selvatica e l'ambiente locale", ha affermato Nicholson. “Gli scienziati calcolano che per alcune delle munizioni più grandi, la deflagrazione di basso livello potrebbe essere centinaia di volte più silenziosa”.

19 marzo 2021

Il deputato ha invitato il Dipartimento dell’Ambiente (DEFRA) e l’Organizzazione per la gestione marittima ad aggiornare il loro regime di licenze per garantire che la deflagrazione diventi l’unica opzione per lo smaltimento delle munizioni in futuro – e per stabilire una tempistica ragionevole.

“Nessuno vuole vedere la costruzione di energia rinnovabile ritardata più del necessario, ma nessuno di noi vuole vedere un bagno di sangue sui fondali oceanici”, ha affermato Nicholson.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x