Demenza dei delfini: è per questo che si arenano?

Delfino tursiope nei mari scozzesi (Caroline Legg)
Delfino tursiope nei mari scozzesi (Caroline Legg)

È stato scoperto che il cervello di tre specie di delfini spiaggiati mostra i classici marcatori dell'Alzheimer: è la prima volta che la malattia viene rilevata in soggetti non umani. La scoperta potrebbe spiegare perché delfini, focene e balene vengono regolarmente spiaggiati attorno alle coste del Regno Unito.

La scoperta di ricercatori scientifici scozzesi è il risultato di quello che dicono sia stato lo studio più ampio finora condotto sulla demenza nelle balene dentate.

Leggi anche: Legge britannica “incoerente” che non rispetta balene e delfini

Gli scienziati delle Università di Glasgow, St Andrews ed Edimburgo e del Moredun Research Institute hanno studiato il cervello di 22 balene dentate (odontoceti) invecchiate che si erano spiaggiate nelle acque costiere scozzesi. Fondo Marine Scotland e DEFRA Post mortem esami di cetacei spiaggiati, pinnipedi e tartarughe marine.

Le specie erano delfini di Risso, delfini dal becco bianco e tursiopi, focene e globicefali con le pinne lunghe, e quattro animali di tre specie mostravano alcuni dei cambiamenti cerebrali associati alla malattia di Alzheimer negli esseri umani.

I risultati potrebbero spiegare almeno alcuni eventi di spiaggiamento, perché supportano la teoria del “leader malato”, dicono i ricercatori. Ciò suggerisce che un branco di animali altrimenti sani si ritrova in acque pericolosamente basse dopo aver seguito quello che potrebbe essere un leader anziano che si è confuso o perso.

Gli odontoceti spiaggiati si trovano spesso in gruppi o in baccelli in acque poco profonde e talvolta sulle spiagge. A volte i soccorritori riescono a spostarli in acque più profonde, ma molti animali muoiono ogni anno in tali eventi.

Il cervello cambia

La malattia di Alzheimer negli esseri umani è caratterizzata dalla formazione di placche di beta-amiloide nel cervello, e queste placche sono apparse in tutte e cinque le specie, ma negli animali colpiti sono apparse in modo cruciale insieme alla tau iperfosforilata nei neuroni, un'altra patologia correlata alla demenza.  

"Anche se in questa fase si è tentati di ipotizzare che la presenza di queste lesioni cerebrali negli odontoceti indichi che potrebbero anche soffrire di deficit cognitivi associati al morbo di Alzheimer umano, è necessario fare ulteriori ricerche per comprendere meglio cosa sta succedendo a questi animali, ", ha affermato il ricercatore capo Dr. Mark Dagleish dell'Università di Glasgow, descrivendo la scoperta come "significativa".

“Sono sempre stato interessato a rispondere alla domanda: solo gli esseri umani soffrono di demenza?” ha detto il coautore Prof Frank Gunn-Moore dell’Università di St Andrews. “I nostri risultati rispondono a questa domanda, poiché mostrano che la potenziale patologia associata alla demenza non è infatti osservata solo nei pazienti umani”.

"Siamo rimasti affascinati nel vedere cambiamenti cerebrali nei delfini anziani simili a quelli riscontrati nell'invecchiamento umano e nel morbo di Alzheimer", ha aggiunto la prof. Tara Spires-Jones dell'Università di Edimburgo. “Se questi cambiamenti patologici contribuiscano allo spiaggiamento di questi animali è una questione interessante e importante per il lavoro futuro”. Lo studio è pubblicato nel European Journal of Neuroscience.

Anche su Divernet: Delfini per Avatar: cosa stava pensando JC?, I delfini riconoscono i fischi personali e l'urina, Catturato dalla fotocamera: come cacciano i delfini, I delfini sorvegliano le navi da guerra russe dai subacquei

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x