Immersione positiva: potenziamento dei coralli del Queensland e trasformazione delle alghe

Subacquei UniDive al lavoro (Università del Queensland)
Subacquei UniDive al lavoro (Università del Queensland)

Più di 50 subacquei australiani che hanno intrapreso un progetto sui coralli a casa loro mentre erano confinati nell’area durante la pandemia di Covid hanno scoperto livelli insospettabili e “sorprendenti” di copertura corallina al largo della Sunshine Coast del Queensland.

Per due anni i subacquei volontari del club subacqueo UniDive dell’Università del Queensland hanno condotto un progetto di scienza dei cittadini per valutare lo stato di salute delle barriere coralline al largo di Mooloolaba, a circa 100 km a nord di Brisbane, e ora hanno completato il loro rapporto – con l’aiuto dell’intelligenza artificiale. 

Il professore associato universitario Chris Roelfsema si è offerto volontario per guidare il progetto. “Data la vicinanza a grandi aree urbane e ai corsi d’acqua, non ci aspettavamo di vedere così tanti coralli duri e molli: è stata una grande sorpresa”, dice. “In alcune aree abbiamo riscontrato fino al 54% in più di copertura corallina rispetto a quanto riportato in precedenza. 

Corallo Mooloolaba (Chris Roelfsema)
Corallo Mooloolaba (Chris Roelfsema)

“Il team ha svolto un lavoro incredibile, offrendo volontariamente il proprio tempo e competenze straordinarie, impiegando oltre 8,000 ore formazione, raccogliendo e analizzando i dati. Per la prima volta, i subacquei hanno integrato le foto del fondo dell’oceano per ricavare informazioni sulla sua composizione e struttura, utilizzando l’apprendimento automatico. Il rapporto risultante contiene dettagli mai visti prima per quest’area”.

I subacquei hanno anche lavorato con le persone delle prime nazioni per ottenere il loro contributo sui siti di immersione. L'indagine si è basata su metodi di monitoraggio riconosciuti a livello internazionale e sviluppati da Reef Controlla l'Australia e quello dell'università CoralWatch iniziativa, e su precedenti progetti di ricerca pluripremiati UniDive. 

Il team UniDive alle porte della Sunshine Coast (Università del Queensland)
Team UniDive: le immersioni a portata di mano (Università del Queensland)

I risultati, tuttavia, non sono stati del tutto positivi, perché in tutti i siti esaminati sono stati rilevati danni ai coralli, malattie e detriti marini. 

«La scienza partecipata svolge un ruolo cruciale colmando le lacune informative e offrendo resoconti tempestivi sulla salute ambientale dei siti, quando le agenzie governative non hanno tempo o finanziamenti per farlo», ha osservato il dott. Roelfsma. 

“Ora abbiamo addestrato un esercito di volontari in varie tecniche di indagine e speriamo che questo lavoro non solo influenzi le politiche pubbliche ma crei una consapevolezza più profonda all’interno della comunità locale riguardo alle loro incredibili barriere coralline locali”. Il rapporto UniDive lo è disponibile per il download

Primo blocco minerario federale

Un’altra buona notizia per il corallo del Queensland è che il governo australiano ha annunciato che sta bloccando la creazione di una miniera di carbone – la prima volta che ha intrapreso un’azione del genere.

La miniera a cielo aperto proposta dalla Central Queensland Coal sarebbe stata situata a soli 10 km circa dalla Grande Barriera Corallina e sarebbe rimasta operativa per circa 20 anni. Ma l’8 febbraio il ministro dell’Ambiente Tanya Plibersek ha stabilito che i sedimenti e il deflusso della miniera avrebbero potuto danneggiare la barriera corallina altamente vulnerabile e la fornitura idrica locale, e rappresentavano un rischio inaccettabile.

L'anno scorso il governo dello stato del Queensland aveva raccomandato al governo federale di respingere la proposta, che una volta aperta al pubblico commento ha attirato più di 9,000 proposte in 10 giorni, la maggior parte delle quali si sarebbe opposta alla miniera. La GBR ha già subito quattro eventi di sbiancamento di massa dei coralli causati dal riscaldamento degli oceani negli ultimi sei anni.

Opportunità blu-verdi

Notizie più positive relative alle immersioni arrivano dalla Finlandia, dove l'appassionata subacquea e biochimica Mari Granström ha spiegato come ha trasformato la sua frustrazione per le persistenti fioriture algali che affliggevano le sue immersioni nel Mar Baltico in un'attività stimolante.

Mari Granstrom
La tuffatrice Mari Granström
Raccolta delle alghe
Raccolta delle alghe

Granström aveva notato come l'azoto e il fosforo derivanti dal deflusso dei fertilizzanti agricoli nutrissero le vaste fioriture di alghe blu-verdi che possono privare l'ambiente marino sottostante di ossigeno e luce solare, ma vedeva le alghe non solo come una minaccia ma come una potenziale risorsa .

Questo l'ha portata a fondare Origine dall'oceano (ObO), per raccogliere e trasformare la maggior quantità possibile di alghe in prodotti utili. Le somiglianze tra i componenti delle alghe e i prodotti petrolchimici hanno consentito a ObO di replicare le tecniche di produzione esistenti per produrre cosmetici, tessuti artificiali, detergenti, materiali di imballaggio, fertilizzanti e alimenti dalle alghe raccolte. 

ObO sta lavorando con un gruppo industriale finlandese per ampliare i propri metodi di produzione e prevede di diventare un’azienda pienamente operativa entro il 2026, raffinando le alghe rimosse sia dal Baltico che dalla Repubblica Dominicana nei Caraibi, dove si verificano fioriture simili. L’azienda ha attirato investimenti commerciali e finanziamenti dell’Unione Europea e sta anche collaborando con l’azienda svedese Nordic Seafarm per produrre alimenti confezionati derivati ​​dalle alghe.

Anche su Divernet: La barriera corallina australiana si apre ai subacquei, La prima barriera corallina galleggiante al mondo

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x