I subacquei svelano i segreti della razza più grande

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I subacquei svelano i segreti della razza più grande

Occhiopiccolo

Immagine: Andrea Marshall, Fondazione Megafauna Marina.

Le sfuggenti razze dagli occhi piccoli sono le più grandi razze marine mai registrate, raggiungendo i 2.2 metri di larghezza. Ma prima si sapeva poco di loro foto L'ID è stato utilizzato recentemente per la prima volta per studiarli nelle acque del Mozambico.

"Abbiamo segnalato i primi avvistamenti di razze dal piccolo occhio nel 2004 e da allora abbiamo iniziato una corsa contro il tempo per saperne di più sulla loro ecologia prima che sia troppo tardi", ha affermato la dott.ssa Andrea Marshall, co-fondatrice e scienziata principale della Marine Megafauna Foundation (MMF). ).

Sebbene il 31% degli squali e delle razze del mondo siano considerati a rischio di estinzione, lo stato delle razze dagli occhi piccoli (Micropi Megatrigono) è stato indeterminato a causa della mancanza di dati. Si ritiene tuttavia che siano sotto pressione a causa della pesca.

"Si pensa che questi misteriosi giganti siano distribuiti in modo irregolare nell'Oceano Indiano e nel Pacifico occidentale, ma il Mozambico meridionale è probabilmente il luogo migliore per incontrarli sulle barriere coralline costiere", ha detto Marshall.

23 Giugno 2019

Desiderosi di sapere se le macchie dorsali bianche delle razze potessero essere utilizzate per distinguere e seguire gli individui per lunghi periodi, i biologi marini hanno visitato i centri di immersione locali per raccogliere immagini scattate dai subacquei in visita.

"Fortunatamente per noi, il sud del Mozambico e la sua ricca vita marina attirano molti subacquei appassionati", ha detto il volontario Atlantine Boggio-Pasqua, aggiungendo che la maggior parte dei sub possedeva macchine fotografiche ed era felice di rendere disponibili immagini e filmati.

"I loro contributi si sono rivelati immensamente preziosi", ha affermato. "Siamo riusciti a raccogliere più di 140 fotografie adatte al confronto e all'identificazione, con alcune immagini risalenti al 2003."

Sono stati identificati settanta individui, di cui 15 visti più di una volta nella zona. Confrontando i loro schemi di macchie nel tempo, i segni sembravano permanenti, come sulle mante.

"Le razze dagli occhi piccoli possono sembrare intimidatorie a prima vista con le loro grandi spine della coda affilate come rasoi, ma in realtà sono davvero carismatiche e facili da avvicinare", ha detto Boggio-Pasqua. “Speriamo di riceverne tanti foto ed video futuri contributi dei cittadini-scienziati. Potrebbero dirci di più sulle preferenze dell’habitat della specie, nonché sul comportamento alimentare e di pulizia”.

Le razze venivano spesso avvistate nelle stazioni di pulizia, alla presenza di striscioni e altri piccoli pesci.

Si è scoperto che alcune razze avevano percorso distanze considerevoli lungo la costa, inclusa una femmina incinta che aveva percorso 125 miglia in un minimo di 102 giorni prima di fare il viaggio di ritorno, cuccioli durante il viaggio. Questa è stata la distanza in linea retta più lunga mai registrata per una qualsiasi delle 80 specie di razze dalla coda a frusta.

Gli occhi piccoli sono stati visti raramente riposare sul fondo del mare e, a differenza di altre razze, si pensa che siano semi-pelagici, ma Marshall ha detto che molte domande rimangono senza risposta: “Dove vivono, quanto velocemente maturano e come si riproducono? Colmare queste lacune di conoscenza è fondamentale per capire come proteggerli adeguatamente in Mozambico e in altre parti dell’Oceano Indiano”.

Lo studio del team è pubblicato su PeerJ

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x