I subacquei risolvono due enigmi dell'U-Boot

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I subacquei risolvono due enigmi dell'U-Boot

Oblò rubino
Oblò sul luogo del relitto del Ruby. (Foto: Keith Rendall / Perso nelle acque profonde)

Per più di un secolo il sottomarino tedesco sbagliato della Prima Guerra Mondiale fu accusato dell'affondamento della nave da carico Ruby nelle Orcadi. Mettere in discussione le ipotesi ha ora portato i subacquei a rintracciare il relitto perduto da tempo della vittima. 

Bertrand Taylor e Keith Rendall del Sula Diving di Stromness furono i primi a immergersi nel relitto profondo 50 metri del Ruby l'8 giugno, ma è stato il lavoro investigativo durato circa due decenni da parte del noto ricercatore di relitti e proprietario della Sula Kevin Heath che aveva finalmente rivelato la sua posizione.

La piccola nave, costruita nel 1882, stava procedendo lungo un canale presumibilmente spazzato dalle mine da Leith a Kirkwall il 29 marzo 1917. A circa due miglia a sud dell'isola di Auskerry colpì una mina e affondò. Solo uno dei sette membri dell'equipaggio, un marinaio senza nome, è sopravvissuto.

La svolta è arrivata in seguito alla scoperta da parte di Heath, alla fine del 2019, di un’altra vittima della Prima Guerra Mondiale, affondata tre settimane prima del Ruby. Questo era l'HMS Albacore, in cui erano morti 18 uomini. Si scoprì che la prua del cacciatorpediniere aveva colpito una mina posta nelle vicinanze UC-55, Anziché UC-44 come precedentemente creduto.

La consapevolezza che il responsabile era stato un sottomarino precedentemente insospettato portò Heath, in collaborazione con gli storici degli U-boat Michael Lowrey e Simon Schnetzke, a riconsiderare il caso del Ruby.

Si pensava che la nave mercantile fosse affondata in un'area chiamata Shapinsay String, ma l'analisi degli archivi suggeriva che UC-42 probabilmente ne aveva attribuito la responsabilità alla mina. Solo cinque miglia di distanza quando il Ruby è stato colpito, l'equipaggio dell'U-Boot aveva effettivamente registrato l'esplosione.

Heath ha detto al Press and Journal che, una volta ristretta la scelta delle possibili posizioni, non ci sono volute più di tre ore per trovare il Rubino.

Il relitto giaceva in posizione verticale con lo scafo crollato e la prua gravemente danneggiata. I sommozzatori potevano vedere l'elica, il timone e l'albero di trasmissione a poppa, con l'argano da carico rovesciato azionato a vapore che giaceva attraverso l'albero all'estremità anteriore della stiva vuota di poppa.

Il motore composto a due cilindri verticale e la caldaia singola potevano essere visti più avanti, e nella stiva di prua si trovavano borse di cemento e barattoli vuoti, forse di marmellata, oltre a resti dell'argano. La sezione anteriore era gravemente danneggiata ma l'albero era visibile.

Michael Lowery ha anche avuto un ruolo in un’altra recente operazione di immersione profonda – all’estremità opposta del Regno Unito. Il relitto di un sottomarino della Prima Guerra Mondiale al largo della Lizard in Cornovaglia è stato indagato da subacquei tecnici che sono stati in grado di identificarlo positivamente come U-95.

Il gruppo si stava immergendo fino a 75 metri con l'Atlantic Scuba di Mark Millburn dalla sua barca per le immersioni Ombra lunare.

Lowery, con sede negli Stati Uniti, che gestisce uboat.net sito web, aveva chiesto al subacqueo Steve Mortimer nel 2019 se si potesse indagare sul sito per identificare l'U-boat e determinare come è arrivato ad affondare. I due avevano collaborato l'anno precedente per trovare al largo di Dartmouth il prototipo del sottomarino D1 della Royal Navy, recentemente protetto come riportato su Divernet.

Il misterioso sottomarino Lizard era stato immerso per la prima volta nel 2004 e poi di nuovo nel 2006. La Royal Navy lo aveva registrato come U-93 mentre un sottomarino gemello affondato al largo della costa francese della Bretagna era stato identificato dai subacquei come U-95 – ma i dubbi rimanevano.

Strofinando un'elica, la squadra di Mortimer riuscì a rivelarne la data e a concludere che il sottomarino era U-95, il che significa che il relitto della Bretagna doveva essere U-93.

20 Giugno 2021

U-95 era stato varato nel gennaio 1917 e il timbro della data indicava, inaspettatamente, che le eliche erano state montate solo dopo il lancio.

Piroscafo mercantile britannico Breaneill aveva affermato di aver speronato U-95 nella zona il 7 gennaio 1918, ma il fatto che nelle vicinanze ci fosse anche un campo minato aveva messo in dubbio tale affermazione fino alla recente immersione. Ciò conferma anche l’affermazione dell’esperto di sottomarini britannico Innes McCartney nel 2006 secondo cui il relitto in cui si era immerso era probabilmente U-95.

I sommozzatori hanno notato danni al lato sinistro e portelli aperti nella torre di comando e nella sala macchine. Ciò suggeriva che lo speronamento in superficie fosse la probabile causa dell'affondamento, sebbene le prove non fossero conclusive.

La squadra di sub comprendeva anche Rick Ayrton, Fran Hockley, Craig Holdstock, Jacob Mackenzie, Barbara Mortimer, Dom Robinson e Tim Wallis.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x