I subacquei recuperano il kit dei Marines dalla nave da guerra

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I subacquei recuperano il kit dei Marines dalla nave da guerra

Apollo

Tasche per cartucce e foderi per baionetta dei Marines trovati sull'HMS Apollo. (Foto: Archeologia della Frisia occidentale)

Il relitto di una nave da guerra britannica del XVIII secolo al largo della costa olandese del Mare del Nord ha rivelato una serie di manufatti ben conservati, tra cui cannoni, custodie per cartucce in pelle e foderi per baionetta.

Le scoperte sono state segnalate dall'organizzazione archeologica locale Archeologia della Frisia occidentale.

La fregata di quinta classe HMS Apollo era di pattuglia il 6 gennaio 1799, quando un errore di navigazione lo fece arenare in acque poco profonde vicino a un'isola disabitata chiamata Noorderhaaks. Il capitano Peter Halkett cercò di salvare la sua nave gettando in mare i suoi 42 cannoni insieme alle provviste della nave, ma non fu in grado di farla galleggiare lontano dal banco di sabbia.

I 270 uomini a bordo furono salvati da una fregata prussiana, che gettò in mare la maggior parte del suo carico di vino per fare spazio e riportarli in Inghilterra.

La nave affondò in profondità nel fondale sabbioso, che ora si trova a una profondità di 7 metri, ma recentemente il ponte inferiore conservato è riemerso a seguito di un'estesa erosione naturale a Noorderhaaks. "Molte decine di metri all'anno scompaiono in mare e i relitti che vi sono morti vengono alla luce", afferma Archeologia della Frisia occidentale.

“I governi e i subacquei dilettanti monitorano i relitti e adottano misure per proteggere il sito o – se ciò non è possibile – per lo smaltimento degli oggetti esposti”.

A un gruppo chiamato North Sea Divers of Breezand è stato chiesto di indagare sul relitto dell'HMS Apollo la scorsa estate. Oltre agli scavi dei sommozzatori, la Periplus Archeomare ha effettuato anche la scansione sonar del sito del relitto per conto dell'Agenzia per il patrimonio culturale dei Paesi Bassi.

Molte delle armi gettate in mare furono recuperate, insieme a manufatti ben conservati appartenenti ai Royal Marines a bordo. Questi includevano due buste per cartucce in pelle che sarebbero state appese alle cinture. Sui risvolti era stampato lo stemma di re Giorgio III in oro.

15 Gennaio 2021

I borse erano progettati ciascuno per contenere 18 cartucce in supporti di legno. Ogni cartuccia era un rotolo di carta pieno di polvere da sparo con una palla di moschetto in piombo.

Sul relitto sono stati rinvenuti anche due foderi in cuoio a baionetta con fermagli in ferro. Sui foderi era impresso il marchio "Broad Arrow" della Royal Navy e una "GR" coronata. "Ci sono molti altri oggetti sul relitto", dice Archaeology West-Friesland.

L'HMS di classe Artois da 45 metri Apollo fu varata nel settembre 1794, ma non era stata completamente testata nel frettoloso tentativo di rinforzare la flotta contro il previsto attacco francese e aveva apparecchiature di navigazione difettose, dice l'organizzazione.

I reperti recuperati sono attualmente in fase di conservazione. Sebbene siano ufficialmente di proprietà britannica, è stato concordato che la provincia dell’Olanda Settentrionale ne manterrà la custodia, e si prevede di esporli al Museo locale Kaap Skil quest’estate se il coronavirus lo consentirà.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x