I sommozzatori individuano la prima miniera di ocra delle Americhe

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I sommozzatori individuano la prima miniera di ocra delle Americhe

La Mina Tulum

Il subacqueo Christophe La Maillot esplora La Mina. (Foto: Sam Meacham / CINDAQ, BC SAS-INAH)

Alcuni speleologi hanno scoperto una miniera di ocra rossa in un sistema di grotte nella penisola messicana dello Yucatan e hanno scoperto che veniva sfruttata tra 12,000 e 10,000 anni fa, rendendola la più antica miniera conosciuta nelle Americhe.

Il sistema di cenote e passaggi sottomarini di Quintana Roo si trova a 5-6 miglia dalla costa caraibica, anche se la sua posizione esatta è tenuta segreta. È stata ritrovata tre anni fa, ma solo ora il gruppo di ricerca ha pubblicato il suo studio sulla miniera preistorica precedentemente insospettata, conservata così come era stata lasciata dagli ultimi minatori.

L'ocra rossa è stata la vernice inorganica più comunemente identificata e utilizzata nel corso della storia in tutto il mondo. Si ritiene che non sia sopravvissuta alcuna prova di come i primi minatori lo usassero nel sito, ma potrebbero averlo apprezzato come mezzo per la pittura su roccia o la decorazione del corpo, per conciare le pelli di animali o, con il suo alto contenuto di arsenico, come repellente per insetti. .

Finora sono stati rinvenuti dieci scheletri risalenti allo stesso periodo Pleistocene-Olocene nelle grotte allagate di Quintana Roo e gli esperti fino ad ora avevano supposto che le persone avessero cercato acqua o riparo nelle grotte allora asciutte. Ora sembra che questi primi esploratori avessero un altro motivo per andare sottoterra. 

Il sito “La Mina” è stato scoperto dagli speleosub Sam Meacham e Fred Devos del CINDAQ (Centro di ricerca del sistema acquifero del Quintana Roo), a cui si è poi unito Eduard Reinhardt della McMaster University in Canada. Gli archeologi subacquei dell’INAH (Istituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico) si sono uniti al team per continuare le indagini.

La Mina, una serie di passaggi sottomarini lunghi 900 metri in punti non più larghi di 70 cm, è stata trovata in una delle tre grotte del sistema, Sagitario. 

Lì Meacham e Devos notarono che molte stalattiti e stalagmiti erano state rotte a metà, mentre le pietre erano state deliberatamente accatastate in piccoli mucchi triangolari. C'erano anche mucchi di carbone sul pavimento, segni di fuliggine sul soffitto e cavità scavate sul terreno contenenti tracce di quella che si rivelò essere ocra. 

7 luglio 2020

Il gruppo di ricerca ora ritiene che i minatori preistorici illuminassero le caverne bruciando carbone nei pozzi del fuoco e che usassero le punte degli speleotemi come strumenti di scavo per sfondare le superfici calcaree e raggiungere le molte tonnellate di ocra all'interno. Gli tumuli di pietra furono probabilmente costruiti per essere utilizzati come indicatori di navigazione.

La datazione al radiocarbonio ha confermato che l'ocra era stata estratta 12-10,000 anni fa. Le grotte furono allagate circa 7000 anni fa, quando ormai sarebbero state probabilmente abbandonate da tempo. Sottolineando l’età del sito, la civiltà Maya dello Yucatan ebbe origine circa 4500 anni fa.

Il team di sub ha scattato più di 20,000 fotografie di La Mina utilizzando 360 fotocamere subacquee nel corso di 600 ore di immersione. Questi sono stati utilizzati per creare un modello 3D del sito per consentire l'accesso virtuale agli archeologi. 

Essere in grado di svolgere il lavoro a distanza nei laboratori in Messico, Stati Uniti e Canada è vitale in termini di sicurezza, afferma Meacham, sottolineando che il minimo spostamento nei sedimenti della grotta porterebbe alla totale perdita di visibilità.

“Grazie a La Mina ora sappiamo che i primi esseri umani non solo rischiarono la vita entrando nel labirinto delle caverne in cerca di acqua o per sfuggire ai predatori, ma vi entrarono anche per scopi minerari, alterandole e creando modifiche culturali al loro interno, " dice INAH.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Science Advances.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x