I subacquei aiutano a identificare le sfere misteriose

NOTIZIE SULL'IMMERSIONE

I subacquei aiutano a identificare le sfere misteriose

Sfera

Sfera misteriosa avvistata vicino alla Norvegia. (Foto: H Ringvold, M Taite et al)

L’identità di questo misterioso “blob” di 1 metro di diametro, uno dei tanti avvistati dai subacquei nelle acque dell’Atlantico nord-orientale negli ultimi 36 anni, è stato finalmente rivelato in un nuovo studio. 

Sono state segnalate novanta sfere gelatinose di questo tipo, soprattutto in Scandinavia e anche nel Mediterraneo, ma solo ora è stato confermato che contengono embrioni di calamaro dalla pinna corta a coda larga, a vari stadi di sviluppo e racchiusi in una bolla di muco in disintegrazione.

Gli avvistamenti erano stati registrati dalla superficie fino a una profondità di 70 metri, a temperature comprese tra 8 e 24°C, e le sfere di solito apparivano con galleggiamento neutro, con più della metà di esse con una striscia scura che attraversava il centro.

Per decenni la mancanza di campioni di tessuti ha ostacolato l’identificazione scientifica. Successivamente, i leader dello studio internazionale, Halldis Ringvold dell’organizzazione di zoologia marina Sea Snack Norvegia e Morag Taite dell’Università Nazionale d’Irlanda, hanno lanciato una campagna di citizen science.

Hanno inviato una richiesta sui social media ai club e ai centri subacquei nel Regno Unito e Irlanda, nonché a Norvegia, Svezia e Francia, Spagna, Portogallo, Italia, Malta, Cipro e Croazia.

La loro richiesta ha ricevuto risposta quando nel 2019 i subacquei sono riusciti a catturare piccoli campioni di tessuto da quattro di queste sfere al largo della Norvegia. Contenenti uova e muco, i campioni sono rimasti intatti dopo essere stati raccolti in bottiglie e conservati nei frigoriferi domestici.

L'analisi del DNA ha confermato che le masse di uova erano quelle del calamaro pinna corta a coda larga (Illex coindetii), un membro del Ommastrephidae famiglia. Si stima ora che ogni sfera possa contenere centinaia di migliaia di uova in vari stadi di sviluppo.

Gli Ommastrefidi sono la famiglia di cefalopodi più abbondante e ampiamente distribuita, dai mari subartici a quelli subantartici. Rappresentano inoltre il 70% delle catture di cefalopodi effettuate dalla pesca commerciale.

Si dice che le femmine delle pinne corte a coda larga siano "riproduttrici intermittenti", deponendo le uova più volte in periodi di pochi giorni e talvolta di poche settimane. La femmina smette di crescere in questo momento e muore poco dopo: si ritiene che la loro durata di vita naturale non sia superiore a un anno.

La fecondazione avviene durante la deposizione delle uova e si ritiene che il muco generato dalla madre abbia lo scopo di mantenere le uova galleggianti e al sicuro dai predatori.

Si ritiene che la striscia scura provenga dall'inchiostro rilasciato durante la fecondazione delle uova e che sia presente solo se sono state deposte di recente. Una teoria è che questo crei l'illusione visiva di un grosso pesce, come un modo per allontanare i predatori.

5 Aprile 2021

Ripercorrendo precedenti segnalazioni di sfere corrispondenti alla descrizione di quelle analizzate, i ricercatori hanno cautamente concluso che la loro somiglianza nella forma e nelle dimensioni rendeva probabile che molte appartenessero alla stessa specie.

Il loro studio è pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

maggiore

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x